Laurent Blanc nella bufera per le quote etniche, alcune intercettazioni lo incastrano!

Il sito 'Mediapart' ha pubblicato una registrazione della famigerata riunione federale dell'8 novembre scorso. Il ct: "Gli spagnoli mi hanno detto: noi di neri non ne abbiamo".
La Federcalcio francese è di nuovo nella bufera dopo il caos nell'ultimo Mondiale. La proposta di voler limitare al massimo al 30% l'ingresso nei vivai nazionali di ragazzini neri o arabi ha creato un vespaio di polemiche, anche se il ct Laurent Blanc si era subito affrettato a precisare che la normativa non riguardava il colore della pelle, bensì il doppio passaporto dei giovani, che molto spesso sceglievano di giocare per una selezione africana una volta diventati affermati.

Ma ieri il sito 'Mediapart' ha smentito le dichiarazioni di Blanc (che aveva escluso categoricamente di aver parlato di "quote etniche") pubblicando delle intercettazioni molto scottanti relative alla famigerata riunione dell'8 novembre scorso. Alcuni passi del discorso, come fa notare 'La Stampa', sono piuttosto inquietanti. Eccone uno stralcio, a partire da Blanc: "Si ha l'impressione che si formi sempre lo stesso prototipo di giocatori: grandi, forti, potenti. E chi c'è attualmente come grandi, forti, potenti? I neri. E' un fatto. Credo che dobbiamo ripensarci, specie per dei ragazzini, avere degli altri criteri, modificarli con la nostra cultura. Vi cito gli spagnoli: non hanno di questi problemi. Gli spagnoli mi hanno detto: noi di neri non ne abbiamo".  A questo punto interviene Eric Mombaerts, allenatore delle giovani speranze della Nazionale: "E se affrontassimo il problema limitando l'ingresso del numero di ragazzini che possono cambiare nazionalita?". Blanc è d'accordo: "Io sono del tutto favorevole". E François Blaquart (direttore tecnico nazionale) chiosa: "Possiamo organizzarci, senza dire niente, su una specie di quota. Ma non bisogna dirlo".

Inutile dire che in Francia non si parli d'altro: il dt Blaquart è stato già sospeso fino alla conclusione dell'inchiesta, ma ora a rischiare è lo stesso Blanc.