thumbnail Ciao,

I nerazzurri proseguono nella politica dei giovani e, dopo aver preso Kovacic e Laxalt, puntano l'ungherese ex Psv. Accordo con il Bari per la metà di Bellomo.

Non solo Icardi. Prosegue spedita l'opera di ringiovanimento della rosa nerazzurra, l'Inter infatti, dopo essersi già assicurata Kovacic e Laxalt, continua il forte pressing sull'attaccante italo-argentino e monitora il mercato alla ricerca di nuovi top young da mettere a disposizione di Stramaccioni in vista della prossima stagione.

Per l'attacco. così come rivelato oggi da 'Tuttosport', gli uomini mercato nerazzurri avrebbero già individuato l'uomo giusto, si tratta di Balázs Dzsudzsák, ex stella del Psv Eindhoven, emigrato in Russia, prima nelle file dell’Anzhi Makhachkala, quindi alla Dinamo Mosca che, a gennaio 2012, lo ha prelevato dall’Anzhi per la considerevole cifra di diciannove milioni di euro.

Dzsudzsák ha ventisei anni e adesso sogna di tornare a giocare in un campionato al top in Europa. Ecco perchè sulle sue tracce oltre all'Inter si sarebbe messo anche il Liverpool. Dzsudzsák oltretutto rappresenterebbe l'innesto ideale nel 4-3-3 di Stramaccioni per la sua abilità nel disimpegnarsi al meglio su entrambe le fasce.

La terza Strama-Inter sta dunque nascendo all'insegna della meglio gioventù. Resta da riempire però la casella dell'out destro difensivo, ancora scoperto dopo l'addio di Maicon. In pole c'è Peruzzi, sponsorizzato direttamente da capitan Zanetti, l'alternativa è Sebastian Jung dell’Eintracht Francoforte, club con cui l’Inter si è mossa da tempo. I nerazzurri però potrebbero far valere gli ottimi rapporti con il Vélez Sarsfield, ecco perchè la pista Peruzzi resta quella più calda.

Infine Branca dovrebbe chiudere a giorni con il Bari per Bellomo, che arriverebbe a Milano in comproprietà per 1,8 milioni di euro. Esauditi così i desideri del ragazzo, da sempre tifoso dell'Inter e grande fan del concittadino Cassano. L'alternativa al pugliese è Weiss, ma il rapporto non certo idilliaco tra Moratti e Raiola, procuratore del giocatore, rende alquanto difficile la trattativa.

Sullo stesso argomento