Quante preoccupazioni per il Milan! Pato potrebbe davvero finire in galera (bloccato Paloschi?), intanto il 'Faraone' si è misteriosamente mummificato...

El Shaarawy è un caso. "A Milanello ha fatto un solo allenamento e si è fermato", spiega Allegri. "Non verrà con noi a Pechino, e con lui anche Flamini, che era tra i più in forma"
Dal Brasile arrivano notizie sempre più allarmanti circa la richiesta di arresto fatta dai legali dell'ex moglie di Pato, Sthephany Brito, per la mancata corresponsione degli alimenti dopo il divorzio dall'ex giovanissima starlette. La rabbia della Brito sarebbe peraltro montata selvaggiamente nelle ultime settimane, parallelamente con le paparazzate delle effusioni tra il 'Papero' e Barbara Berlusconi, ampiamente documentate dai media brasiliani.

Il fatto è che presso quelle latitudini scherzano poco su questo argomento e il coniuge che non versa gli alimenti rischia davvero la galera. "Pato non ha mai pagato un centesimo dopo la separazione - ha detto il legale dell'ex moglie - e noi chiederemo il carcere".

In attesa di sapere come evolverà la situazione - si rincorrono voci che parlano di un Paloschi addirittura tolto dal mercato per fare fronte alle ipotesi peggiori - il Milan si trova alle prese con un altro caso spinoso, il più possibile 'silenziato' in queste settimane. Il gioiellino Stephan El Shaarawy, infatti, non ha ancora disputato un solo minuto con la maglia rossonera e non partirà alla volta di Pechino per giocare la Supercoppa contro l'Inter.

"A Milanello ha fatto solo un allenamento e si è fermato - spiega uno sconsolato Allegri - Purtroppo non verrà a Pechino. E non ci sarà nemmeno Flamini, che era uno dei più in forma. Per Inzaghi dobbiamo valutare con calma (quasi sicuro il forfeit, ndr), mentre Mexes non ci sarà di sicuro, lo vedremo a fine settembre, al top".

Ma cos'ha il giovane 'Faraone' preso a peso d'oro dal Genoa? Il 'Corriere dello Sport' parla di "una infiammazione"...