Corioni non esita a definire Caracciolo ESSENZIALE per il Brescia, ma ha fiducia nel suo sostituto: "Kozak ha grande talento"

Il pesidente del Brescia ha parlato anche dell'Airone, squalificato per sabato.
Il presidente Corioni coccola il suo Brescia. "Sono fiducioso perché sto vedendo la squadra che gioca un bel calcio. Peccato per i due pareggi con Cittadella e Torino perché potevano essere due vittorie e con quei quattro punti in più saremmo ancora più vicini alla vetta. Comunque sia non sono preoccupato anche se Lecce e Sassuolo vanno forte. Il campionato è lungo e noi siamo sulla strada giusta".

Sabato mancherà Caracciolo, squalificato, che ha segnato 17 gol in 21 partite: una media impressionante e la sua assenza non può essere valutata come una qualsiasi. Gino Corioni punta tutto su Kozak: "E’ un giovane di talento e di grande prospettiva. L’ho visto allenarsi molto bene in settimana e sono sicuro che ci darà una grossa mano, anzi magari sarà proprio lui l’uomo che ci farà vincere la partita". Kozak in coppia d’attacco con Possanzini e Rispoli sulla destra al posto di Zambelli. Queste potrebbero essere le scelte di Beppe Iachini per il match di sabato con il Piacenza. Intanto il tecnico delle Rondinelle ha provato qualche schema ieri nell’amichevole giocata a Rovato contro la Berretti e finita 13 a 0. Con il solito 3-5-2 c’erano Arcari tra i pali; Berardi, Bega e De Maio in difesa; Rispoli, Baiocco, Budel, Cordova e Dallamano a centrocampo; Kozak e Possanzini in avanti. In grande spolvero sono apparsi proprio le due punte che con Rispoli e Taddei sono stati autori di una doppietta.

Il Brescia prova a fare a meno, dunque, dell’airone Caracciolo, ma solo per una gara. Gino Corioni, infatti, nelle scorse settimane avrebbe avuto la possibilità di cederlo monetizzando e rinforzando così le casse del club di Via Bazoli. "Perché non l’ho venduto? Semplice: lui per noi è troppo importante. Avrei poi dato una grande delusione ai nostri tifosi e non me la sono proprio sentita". Oggi il Brescia torna ad allenarsi al Touring di Coccaglio e, rispetto al solito, Beppe Iachini ha deciso di anticipare di un giorno la seduta a porte chiuse.

Gaia Brunelli