Ventura lancia Romagnoli: debutto contro la Spagna, il futuro è suo

Alessio Romagnoli stasera farà il suo debutto in Nazionale al posto dello squalificato Chiellini, il futuro della difesa azzurra è suo. Sarà il quarto deb dell'era Ventura.

La sua ora è finalmente scoccata. Dopo qualche convocazione, infatti, stasera Alessio Romagnoli farà il suo esordio ufficiale con la maglia della Nazionale A e lo farà nella partita più importante a soli ventuno anni.

Contro la Spagna, complice l'assenza dello squalificato Chiellini, Ventura ha deciso di puntare forte sul difensore del Milan preferendolo sia al più esperto Astori che all'ex bianconero Ogbonna, pupillo peraltro proprio del Ct ai tempi del Torino.

Italia-Spagna, le probabili formazioni

Romagnoli, sempre snobbato da Conte perchè ritenuto poco adatto alla difesa a tre, sembra pronto al grande salto e come spiegato anche da Bonucci in conferenza stampa rappresenta il futuro dell'Italia insieme a Rugani, oggi assente causa infortunio ma che ha già debuttato proprio con Ventura contro la Francia quando il tecnico regalò la prima presenza in azzurro anche a Donnarumma e Belotti.

D'altronde considerata l'età media dei convocati è abbastanza chiaro come l'Italia debba iniziare a pensare ai possibili sostituti dei vari Buffon, Barzagli, Chiellini, De Rossi, Parolo e Pellè. Tutti over 30 destinati a lasciare il giro del grande calcio entro un paio di anni.

Ecco perchè, oltre al big Verratti, come riporta 'Il Corriere dello Sport' nei prossimi mesi lo stesso Belotti, Gabbiadini, Destro, El Shaarawy, Insigne, Benassi, Berardi e Bernardeschi potrebbero trovare sempre più spazio nei pensieri di Ventura.

Senza dimenticare, ovviamente, le possibili sorprese come il giovane Di Francesco o l'emergente Verdi. Oltre al solito Balotelli sul quale il Ct però al momento è stato abbastanza chiaro: "E’ vero che tre mesi fa Balotelli non avrebbe detto certe cose, ma queste sono parole. Io vengo dalla strada, per me contano i fatti".