Profilo - Dele Alli, stellina del Tottenham sulle orme di Gerrard

Alla scoperta di Dele Alli, talentuoso centrocampista offensivo del Tottenham, classe 1996, che si ispira a Gerrard ed è seguito dal PSG e dalle big della Premier.

Non solo Harry Kane. Nel Tottenham di Mauricio Pochettino 2° in classifica in Premier League e grande rivelazione di questo campionato inglese, che ai sedicesimi di Europa League affronterà la Fiorentina, c'è un altro giovane di belle speranze che si sta mettendo in grande evidenza in questa stagione: il centrocampista offensivo Dele Alli, che compirà 20 anni il prossimo 11 aprile.

LA SUA STORIA 

Nato a Milton Keynes, città di 230 mila abitanti nel Nord-Ovest di Londra, l'11 aprile 1996, da padre nigeriano e madre inglese, Bamidele Jermain Alli, tira i primi calci con il City Colds, società con cui milita fino ai 10 anni, quando gli viene proposto un periodo di prova con il neonato club Milton Keynes Dons, sorto nel 2003 dalle ceneri del glorioso Wimbledon.

Alli inizialmente accetta, salvo poi tornare al City Colds dopo che gli viene negata l'opportunità di giocare un'amichevole prestigiosa contro i pari età del Chelsea. "Mi sono allenato là per due settimane, - ha raccontato - dovevamo andare a giocare a Stamford Bridge, ed era ovvio che avrei voluto esserci. Loro mi dissero di no, e io risposi che allora me ne sarei andato, come ho effettivamente fatto. Ero davvero immaturo".

Grazie all'opera di convincimento di Mark Walsh, suo allenatore al City Colts e mister anche dei pari età proprio del MK Dons, ci va però l'anno seguente nel 2007 e in poco tempo si impone come uno dei prospetti più interessanti dell'Academy del club. A 16 anni, il il 2 novembre 2012, debutta tra i senior, subentrando dalla panchina al 64’ della sfida di FA Cup contro il Cambridge United, ed esibendosi con un colpo di tacco al primo tocco di palla. Nella gara di ritorno segna il suo primo goal con un missile dai 30 metri, rete che permette all'MK Dons di passare il turno.

Con la squadra della sua città Alli colleziona 88 presenze e 24 goal in tutte le competizioni, dando un contributo decisivo alla squadra per la promozione in Championship (39 presenze, 16 goal e 7 assist in League One nella passata stagione). Nel febbraio 2015 il Tottenham, che ne aveva monitorato la crescita, decide di investire su di lui e lo acquista per 5 milioni di sterline, poco più di 6 milioni di euro, lasciandolo però all'MK Dons fino al termine del campionato. 

Quest'estate per Alli arriva però il gran balzo in Premier League. Pochettino si accorge del suo talento e gli dà fiducia: debutta alla prima giornata di Premier contro lo United, e dalla terza, contro il Leicester, diventa un titolare inamovibile, ritagliandosi il suo spazio anche in Europa League. Pure l'Inghilterra si accorge di lui, con il Ct Hodgson che lo fa debuttare diciannovenne il 9 ottobre nelle Qualificazioni ad Euro 2016 nel 2-0 contro l'Estonia.

SCOUTING REPORT 

Destro naturale educatissimo, Alli si è sempre ispirato fin dai suoi esordi a Steven Gerrard, suo idolo calcistico. In possesso di una tecnica e di una visione di gioco superiori alla media, eccelle per doti balistiche e capacità di inserimento offensive.

Il suo ruolo naturale è quello di regista basso, ma con il tempo il classe 1996 è diventato un centrocampista moderno 'box to box', e oggi è in grado di ricoprire efficacemente anche i ruoli di trequartista e di centrocampista sinistro e di farsi valere pure in fase di non possesso. Per il fisico atletico e le lunghe leve (è alto un metro e 88 e pesa 76 chili) ricorda un po' Thierry Henry, e non è un caso che il suo attuale allenatore, Pochettino, lo impieghi spesso come trequartista sinistro, posizione nella quale riesce a dare un grande contributo alla squadra in fase offensiva con goal e assist.

Buon colpitore di testa, carattarialmente la sua personalità gli ha permesso di bruciare le tappe e di imporsi come uno dei talenti più importanti del panorama calcistico inglese. Euro 2016 potrebbe essere il suo trampolino di lancio definitivo verso una carriera di grandi successi.

STATS&FACTS  

FUTURO 

Dele Alli a febbraio 2015 ha firmato un contratto quinquennale con il Tottenham, ed è dunque legato al club londinese fino al 2020. Strapparlo agli Spurs, che anche grazie a lui stanno tornando a ritagliarsi uno spazio di primo piano nel panorama calcistico inglese dopo anni di vacche magre, non appare impresa semplice.

Già oggi il valore del suo cartellino è schizzato alle stelle. Ma le big inglesi Arsenal, Liverpool (club per il quale faceva il tifo), Manchester United, Manchester City e Chelsea potrebbero dar vita la prossima estate a un'asta selvaggia per aggiudicarsi uno dei migliori centrocampisti europei del futuro.

Sempre che a spuntarla non sia alla fine il PSG dello sceicco Nasser Al-Khelaifi, che ha mandato i suoi uomini a seguire la crescita del centrocampista del Tottenham e che è sempre stato molto sensibile ai giovani talenti.