Profilo - Ante Coric, il talento croato nel mirino del Bayern Monaco

Coric è entrato da giovanissimo nel mirino di top club europei ma lui attende di maturare ulteriormente prima di compiere il grande passo.
ANTE CORIC | La Scheda
Club Dinamo Zagabria
Ruolo Centrocampista
Data di nascita 14 aprile 1997
Altezza/Peso 177 cm / 59 kg
Nazionalità Croazia
A chi assomiglia Prosinecki, Boban

Cercando di seguire le orme della leggenda brasiliana Ronaldinho e avendo già attirato l'interesse di Bayern Monaco, Chelsea, Barcellona e Roma, il 17enne Ante Coric è visto come uno dei più fulgidi talenti degli ultimi anni pronti ad emergere in Croazia, un calciatore che è destinato ad avere un grande futuro.

CARATTERISTICHE TECNICHE - Con eccellenti qualità tecniche, grande controllo nello stretto, consapevolezza dei propri mezzi, creatività e capacità di rapidi cambi di fronte, il giovane centrocampista offensivo della Dinamo Zagabria è un vero talento.

Più forte col piede destro, ma capace anche col sinistro, le sue capacità sono impressionante. Nonostante la giovane età, possiede capacità tecnica e visione di gioco di un veterano, cosa che lo rende un avversario molto pericoloso, soprattutto quando piomba in zona offensiva da dietro, pronto a saltare i difensori o servire ad un compagno di squadara l'assist decisivo per un'occasione da goal.

GLI INIZI - Coric, figlio dell'allenatore Miljenko, è stato sempre visto come uno destinato a diventare un grande, sin dalle giovanili. Fece dei provini per il Chelsea e il Bayern Monaco, ottenendo il massimo del punteggio nella velocità, nella tecnica e nei test tattici cui il club tedesco sottopone i suoi calciatori, qualcosa mai riuscita a nessun altro.

Coric, però, non era felice del modo in cui venne trattato in Inghilterra e rigettò le proposte di entrambi i club, preferendo all'età di 11 anni di andare al Red Bull Salisburgo. "Ho voluto venire al Red Bull perché qui i calciatori sono migliori rispetto al Bayern, al Barcellona o al Chelsea - disse a quel tempo - Ci alleniamo meglio e più spesso a Salisburgo. Inoltre, ho ricevuto un caloroso benvenuto qui, a differenza di quanto accaduto in Inghilterra". Dopo aver attirato su di sé ancor più interesse, il giovane Coric decise di tornare in patria nel giugno 2013, con la Dinamo che ne acquisì i servizi per 900 mila euro.

L'ESORDIO IN PRIMA SQUADRA - Il giovane centrocampista ha esordito con la prima squadra della Dinamo sul finire della scorsa stagione, segnando contro l'NK Istra nella penultima giornata di campionato, con la formazione di Zagabria che era lanciata verso la conquista del nono titolo di lega consecutivo, ed è partito molto bene anche in questa stagione, con gli uomini di Zoran Mamic che hanno iniziato il campionato con una striscia di 10 partite senza sconfitte e Coric autore di una eccellente prestazione nel 3-2 che la sua squadra ha conquistato in trasferta contro i rivali dell'Hajduk Spalato, con perfino i tifosi di casa ad applaudirlo.

Debuttando in Europa League nei minuti finali della gara di ritorno durante le qualificazioni contro il Petrolul Ploiesti, a Coric è bastato un minuto per dare un contributo essenziale alla causa della sua squadra, costruendo il goal-partita per il 2-1 finale a favore della Dinamo. Coric ha poi coronato il tutto con il goal finale nella vittoria per 5-1 contro l'Astra Giurgiu, diventando così il quarto più giovane cannoniere nella storia della competizione.

LA NAZIONALE - L'exploit con la prima squadra della Dinamo del giocatore nato a Zagabria ha fatto anche accellerare la sua chiamata in Nazionale. Esordì con l'Under 18 quando aveva solo 16 anni e ci sono voluti solo pochi mesi perchè venisse poi convocato in Under 21. Sembra proprio che non dovrà aspettare troppo a lungo per ottenere la sua chance anche in Nazionale maggiore.

PARAGONI IMPORTANTI - Coric è già stato paragonato alla leggenda croata Zvonimir Boban, che ha guidato da capitano la Croazia ad un terzo posto nella Coppa del Mondo del 1998 e, in particolare, Robert Prosinecki, che ha vinto tre titoli di lega di fila con la Dinamo. Tuttavia, Coric rimane con i piedi ben piantati a terra ed è determinato a lavorare per continuare a migliorare.

"Suvvia, io sono molto meno forte di loro! - Ha detto Coric a Goal - Devo continuare a lavorare, allenarmi e imparare molto prima di poter essere paragonato a loro. Poi un giorno chissà... il mio modello è Ronaldinho".

IL FUTURO - La carriera del giovane calciatore croato è stata finora un viaggio veloce ed emozionante. Così, mentre Coric continua a migliorarsi giocando con la prima squadra della Dinamo, sia in campionato che in Europa League, sembra ormai solo una questione di tempo prima che club del calibro di Bayern, Chelsea, Roma e Barcellona possano nuovamente recapitargli delle proposte. Il trasferimento in un top club europeo sembra un passo logico per un giovane talento che pare destinato a diventare una stella mondiale.

Clicca qui per giocare al Fantasy Football ufficiale della UEFA Europa League!