Scommessopoli, la testimonianza di Masiello apre nuovi scenari. Sotto accusa 9 match in A del Bari!

Il difensore dell'Atalanta, ex-Bari, ha deciso di presentarsi spontaneamente davanti ai magistrati per parlare di alcuni match di A che sarebbero stati truccati.
Potrebbero esserci altri risvolti importanti nell'ambito dell'inchiesta Scommessopoli. Ieri infatti il difensore dell'Atalanta Andrea Masiello ha deciso spontaneamente (su consiglio dell'avvocato di Doni) di presentarsi alla magistratura di Cremona e di collaborare con la giustizia. L'interrogatorio del giocatore, durato quasi due ore, ha avuto come tema principale le ultime 9 partite disputate in Serie A dal Bari, penultima squadra nella quale ha giocato Masiello.

Secondo quanto riportato stamane dalla Gazzetta dello Sport almeno su sei di questi incontri ci sarebbero le prove di una combine o perlomeno di tentativi, con denaro messo in mezzo per corrompere alcuni calciatori (Palermo-Bari 2-0, Bari-Chievo 1-2, Parma-Bari 1-2, Cesena-Bari 1-0, Bari-Samp 0-1, Bologna-Bari 0-4). Ci sono sospetti anche su Bari-Catania 1-1, Bari-Roma 2-3 e Bari-Lecce 0-2. Nessun particolare riscontro su Milan-Bari 1-1 e Bari-Inter 0-3.

Coinvolto in questo giro di scommesse ci sarebbe il clan Parisi, dove diversi calciatori sarebbero andati a scommettere. A questi ultimi veniva consentito di puntare gratis purchè potessero garantire i risultati. Decisiva, secondo gli inquirenti, anche la figura dell'infermiere Angelo Iacovelli, utilizzato come portadenaro. Proprio Iacovelli ha detto i nomi di coloro che avrebbero ricevuto le buste con 80 mila euro: Bentivoglio, Parisi, Belmonte, Marco Rossi e appunto Andrea Masiello.

La 'storia', se così si può chiamare, sarebbe quindi andata così. I soldi venivano dati ai giocatori del Bari per alterare le partite. I contatti con le altre squadre erano garantiti dal cosidetto clan degli Zingari. C'è però chi dice che all'interno della squadra pugliese ci sarebbero stati dei dissidi tra i giocatori, circostanza che potrebbe anche portare ad avere a disposizione altre testimonianze come quella di Masiello. Il quale verrà risentito mercoledì prossimo dalla Procura di Bari.