Il pupillo Donnarumma nega il pareggio al Torino: che beffa per Mihajlovic!

Gianluigi Donnarumma, lanciato l'anno scorso proprio da Mihajlovic, ha negato il pareggio al suo Torino parando il calcio di rigore tirato da Belotti al 94'.

Il Diavolo ci ha messo la coda. In tutti i sensi. Proprio allo scadere di Milan - Torino , infatti, si è consumata quella che sembra un'atroce beffa per Sinisa Mihajlovic il quale già pregustava un clamoroso 3-3 in rimonta.

Ma quando al minuto novantaquattro Belotti si è presentato sul dischetto per tirare il rigore del possibile pareggio di fronte si è trovato proprio quel Donnarumma lanciato in Serie A ad appena sedici anni dall'attuale tecnico granata.

Il portierone, per niente ammorbidito da sentimentalismi di alcuni tipo, è quindi riuscito a deviare il rigore calciato da Belotti permettendo al Milan di ottenere tre punti preziosissimi e gelando il suo ex mentore Mihajlovic.

Una vera e propria beffa, insomma, per il tecnico serbo che nella scorsa stagione pur di lanciarlo tra i grandi fece fuori un certo Diego Lopez che infatti oggi ha preferito evitare qualsiasi contatto con l'ex allenatore negandogli perfino il saluto prima del fischio d'inizio.

Mihajlovic, a fine partita, ha invece scherzato sulla parata del suo pupillo dichiarando: " Se l'avessi saputo non l'avrei fatto esordire l'anno scorso".

D'altronde però che le doti di Donnarumma siano fuori dalla norma è ormai noto da tempo. Doti peraltro confermate da un dato:  Buffon infatti parò il suo primo rigore in Serie  A a 18 anni e 11 mesi, mentre il numero 99 rossonero ci è riuscito a 'soli' 17 anni e sei mesi. Semplicemente predestinato.