La Juventus vince, Evra gonfia il petto: "Chi critica la Serie A, venga a giocarci"

Evra parla delle differenze tra Serie A e Premier League: "In Inghilterra è più uno show, mentre qui se non sei intelligente non puoi giocare".

Continua la marcia in campionato della Juventus , che riscatta il pesante ko contro l'Inter battendo l' Atalanta e mantenendo la porta inviolata per la nona partita consecutiva.

Ma ora per Evra inizia il difficile: "Tutte le partite sono davvero come le finali. Noi vogliamo davvero vincere tutte le partite, dopo puoi perdere o pareggiare. Questo spirito non mi stupisce, così come vedere Mandzukic centra o terzino. non voglio senti parla di stanchezza perchè io il quinto scudetto c'è l'ho chiaro in testa".


LEGGI DI PIU': Atalanta-Juve 0-2 | Pagelle Atalanta-Juve


Evra parla poi delle differenze tra Premier League e Serie A: "Io vorrei rispondere alla gente che critica il calcio italiano - prosegue a 'Sky Sport' -  e spero che questa gente venga a giocare. Ricordo Tevez mi diceva che in Italia per fare un gol dovevi creare 100 occasioni. In Italia sono pronti tatticamente e io a 34 anni sto imparando alla grande.

In Inghilterra è più uno show, come due boxeur che lottano e cade il primo che stanco. Se tatticamente non sei bravo non puoi giocare. Hai bisogno più di intelligenza che talento".

Col Bayern sarà dura, ma il francese ci crede: "Ci credo perchè per me è una cosa normale. L'anno scorso ricordo che c'era gente che non pensava che arrivassimo fino in fondo e invece abbiamo perso solo col Barcellona, ma io ci credo. Se non ci credessi chiedo al mister di non giocare. La Juve ora ha un'immagine più bella in Europa, noi dobbiamo confermarla, fare un colpo e vincere contro il Bayern".