Sono passati vent'anni: il 4/12/94 lo storico goal di Del Piero alla Fiorentina

La Juventus e Alex Del Piero ricordano quel 4 dicembre 1994, quando Pinturicchio mise a segno uno dei goal più belli della sua carriera. E domani c'è proprio la Fiorentina...
Cambiando l'ordine degli addendi il risultato non cambia. Che sia stata Juventus-Fiorentina allora e sia oa Fiorentina-Juventus non cambia nulla. E' semplicemente curioso che proprio a vent'anni esatti da uno dei goal più belli segnati nel decennio '90 ci sia la vigilia della sfida tra Fiorentina e Juventus, anticipo per la 14esima giornata di Serie A.

Protagonista allora Alex Del Piero, ora 40enne e con un po' in difficoltà nella sua esperienza indiana. Pinturicchio diventò magia e arte nella gara contro la Fiorentina terminata 3-2 quel 4 dicembre 2014. In difficoltà in Asia ma a suo agio nei social, dove l'ex capitano della Juventus ha ricordato in diversi post su Twitter quel grandioso goal che decise la gara in rimonta.

Sotto di due reti, la Juventus consegnò a Del Piero le chiavi della gloria, in un cross di sinistro da centrocampo: inserimento tra due giocatori viola e la battuta al volo, in area di rigore, su cu Toldo non potè nulla. Una rete da cineteca, reputato da tantissimi il simbolo di Pinturicchio, il suo più grande goal su un campo da calcio.

"20 anni fa un giorno speciale, indimenticabile e significativo" ha scritto Del Piero su Twitter, ringraziato da una marea di tifosi della Juventus. In quella stagione la prima Madama di Marcello Lippi conquistò lo Scudetto e la Coppa Italia, prima di salire sul tetto d'Europa nell'annata successiva.
Dopo l'anniversario dei 18 anni dal goal nell'Intercontinentale di Tokyo, per Del Piero anche i 20 di un'altra tappa fondamentale della sua carriera. Una rete passata alla storia.

Proprio oggi tra l'altro, in esclusiva per Goal, Harm van Veldhoven, l'allenatore del Dehli, attuale squadra di Del Piero, ha cercato di spiegare il perchè della panchina nell'ultimo periodo: "Per me è molto difficile spiegarlo, a volte si pensa che la competitività non sia alta mentre invece è molto dura giocare qui. A volte credo che le aspettative su Alessandro erano troppo alte, ma il mio rispetto per lui rimane".

Con qualche problema in più del previsto in India, Del Piero guarda al suo passato glorioso. Magari per trasportare il Pinturicchio che fu anche in quel di Dehli.