Van Ginkel fantasma al Milan, l'agente: "Ora basta, assurdo che non giochi"

Mezz'ora in campo contro l'Empoli e poi il nulla: Van Ginkel è l'oggetto misterioso di casa Milan. E l'agente tuona: "Non è venuto in Italia per non giocare, è illogico".

Arrivato in prestito dal Chelsea con tanti buoni propositi, Marco Van Ginkel ha fin qui racimolato appena trenta minuti in stagione con la maglia del Milan.

Complice anche un infortunio alla caviglia, il centrocampista olandese non ha visto praticamente mai il campo ed è reduce da quattro panchine di fila.

L'agente di Van Ginkel, Karel Janssen, si è detto scioccato della situazione che sta vivendo il suo assistito: "Le premesse al Milan erano buone, Marco ha iniziato la stagione in panchina e ci si aspettava giocasse una volta adattato al club e al nuovo Paese. Ma anche dopo aver recuperato dall'infortunio, finora, ha giocato pochissimi minuti in campo".

Janssen si augura che le cose cambino al più presto, altrimenti Van Ginkel potrebbe salutare il Milan già a gennaio: "Non siamo contenti e questa cosa va contro ogni logica - ha proseguito il procuratore a 'Fox Sports' - . Abbiamo già messo in chiaro con la società che non erano queste le intenzioni quando Marco è arrivato in prestito, non c'era bisogno che il ragazzo andasse in Italiaper non far nulla".

Inoltre Van Ginkel potrebbe dare una grande mano al Milan secondo Janssen: "Potevo capire questo trattamento se Marco fosse stato scarso, ma uno come Marco lì davanti farebbe comodissimo al Milan. Il Chelsea per il momento non vuole staccare la spina - ha concluso - , ma potrebbe farlo se la situazione continua in questo modo".