Supercoppa Italiana fra Juventus e Napoli, prende quota l'ipotesi San Paolo del Brasile

L'idea che la sfida fra Juventus e Napoli si giochi a dicembre a San Paolo del Brasile nel nuovo stadio del Palmeiras prende quota: l'impianto è un gioiello architettonico.

Probabilmente all'inizio la candidatura di San Paolo del Brasile per ospitare la prossima Supercoppa Italiana fra Napoli e Juventus avrà fatto sorridere i tifosi delle due squadre. Ma con il passare delle ore crescono invece le possibilità che la gara che mette di fronte la vincitrice dell'ultimo Scudetto e la squadra che ha conquistato la Coppa Italia si giochi nella metropoli verdeoro.

Il match si disputerebbe all'Allianz Parque, il nuovo stadio del Palmeiras che sta per essere ultimato e che costituisce una sorta di gioiello dell'architettura moderna: l’impianto ospiterà 43.600 spettatori (ampliabile a 49 mila), con 160 suite, ristorante panoramico, negozi, centro convegni e posti per duemila auto.

Le squadre avranno a disposizione spogliatoi da trecento metri quadrati. Attorno allo stadio, raggiungibile con autobus e metro, c’è la Polisportiva Palmeiras con piscine, campi di basket e volley. Tutto questo in quattro anni di lavoro, buttando giù il vecchio impianto (il Palestra Italia) per tirare su quello nuovo come fosse una mano di vernice.

Attualmente i lavori sono stati completati al 90% e verrà inaugurato ad agosto, come da programma. Per una volta nessuno spreco, né scandali di corruzione o difetti di realizzazione, come accaduto invece per la discussa Arena Corinthians, che ospiterà le partite dei Mondiali con grandissime perplessità dopo gli incidenti verificatisi negli scorsi mesi, distante appena 25 chilometri.

Lo stadio del Palmeiras è tutt'altra cosa, e anche per questo la sua candidatura per la Supercoppa Italiana convince. A costruirlo è stata un’impresa diretta da un ingegnere di origine italiana, Walter Torre, che gestirà i diritti dell’impianto per trent’anni.

Proprio l’ingegner Torre avrebbe accolto con favore l’idea di ospitare la Supercoppa italiana nella casa del club nato per mano di immigrati italiani. Il club Palestra Italia, poi diventato Palmeiras, fu infatti la naturale conclusione di una febbre calcistica che unì gli immigrati.

Juventus-Napoli dunque nello stadio più italiano del Brasile? I due club ci stanno pensando, visto che tra oriundi, emigrati e italiani di terza generazione ci sarebbero almeno sei milioni di italiani residenti nella metropoli, che arrivano a venti milioni contando tutto il Brasile. Attira l’idea di vendere i diritti tv in tutto il Sudamerica, dove Juve e Napoli hanno milioni di sostenitori. L'ipotesi Allianz Parque prende così quota.