Milan, ecco il pupillo di Mourinho: Essien, forza bruta ed esperienza

Essien arriva al Milan dopo una carriera sfavillante fra Lione e Chelsea. Tre gravi infortunio al ginocchio non ne garantiscono al 100% la tenuta fisica. Seedorf fa gli scongiuri.
I tifosi del Milan hanno il loro colpo di mercato, Clarence Seedorf il suo tassello per la Champions dotato di forza fisica ed esperienza da vendere. Michael Essien, 31anni compiuti lo scorso dicembre, a cavallo fra il 2006 e il 2009 era considerato uno dei migliori interpreti del suo ruolo. Sbarca al Milan per vivere una terza giovinezza.

Dopo l'arrivo ieri sera, poco prima delle 20 a Malpensa, la consueta cena da 'Giannino' ecco che cominciano a trapelare i numeri ufficiali della trattativa: la 'Gazzetta dello Sport' parla di un contratto fino a giugno 2015 per due milioni a stagione. Un bel risparmio per il Milan che ha acquisito gratuitamente il cartellino dell'ex Chelsea ed è riuscito a strappare al giocatore un dimezzamento dello stipendio rispetto ai 4 milioni che percepiva a Londra.

Essien muove i suoi primi passi in Francia, ad inizio millennio, con le maglie di Bastia (tre stagioni, 66 presenze e 11 goal) per poi consacrarsi con la casacca del Lione dove, dal 2003 al 2005 gioca 71 match andando a segno 7 volte. Pagato da Abramovich 38 milioni, in sette anni di Chelsea disputa ben 163 incontri conditi da 17 goal, ma anche da tre gravissimi infortuni al legamento crociato del ginocchio destro. La parentesi al Real Madrid (21 presenze e 2 goal non è fortunata). Torna con Mourinho al Chelsea ma in stagione timbra solo 5 presenze in Premier di cui soltanto due da titolare.

In carriera ha vinto di tutto: due campionati francesi e due supercoppe con il Lione; due Premier, una Coppa di Lega, 4 Fa Cup, una Community Shield ma soprattuto una Champions con il Chelsea. I dubbi milanisti sono tutti fisici, ma se il ragazzotto africano starà bene, Seedorf dovrà ringraziare il buon Galliani per il colpo low cost.