thumbnail Ciao,

Il centrocampista uruguaiano, presentato oggi a tifosi e cronisti sardi, punta a mettersi da subito a disposzione sperando di dare un grande contributo da qui a fine stagione.

Giorno di presentazione a Cagliari per il nuovo acquisto del club rossoblù, Matìas Cabrera. Presentazione in ritardo di qualche mese visto che il centrocampista uruguaiano era atteso in Sardegna già l'estate scorsa: "Sorse un problema tra procuratori, ma ora e' passato, non ne voglio parlare. L'importante e' che Paco Casal e Daniel Delgado abbiano risolto tutto e che ora sia qui".

L'ex Nacional è pronto a mettersi a dispozione di Mister Ivo Pulga in vista della trasferta di Pescara e rassicura tutti sulla sua forma fisica: "Fisicamente sto bene, ho sostenuto tutta la preparazione con il Nacional in vista del campionato e della Coppa Libertadores. Gli unici due giorni nei quali non mi sono allenato sono stati quelli impiegati per raggiungere la Sardegna. Sono a disposizione dell'allenatore, anche per la partita di domenica con il Pescara, se lo riterra' opportuno".

Parentesi sulle sue caratteristiche tecniche e sull'importanza della presenza di Diego Lopez in panchina: "Mi piace giocare la palla e do una mano alla difesa. Naturalmente ci vorra' un po' di tempo per adattarmi alla Serie A, ma non cosi' tanto perche' credo che le mie caratteristiche si adattino bene al calcio italiano: uno-due tocchi e via. La presenza di Diego Lopez e' molto importante, innanzitutto per la lingua e poi perche' conosce le differenze tra il calcio uruguaiano e quello italiano, quindi sapra' trovare il modo migliore per utilizzarmi".

Il ragazzo ha le idee chiare, ha scelto la maglia numero 22 e ha tutte le intenzioni di diventare una certezza del Cagliari del presente e del futuro attraverso il lavoro e la voglia di imparare.

Sullo stesso argomento