Ah, quanto pesa l'assenza di Thiago Silva! Galliani la prende con filosofia: "Il Milan schiera sempre i migliori..." Avviso al Barça: "Non giochiamo per lo 0-0"

Il difensore k.o. contro la Roma per un problema muscolare: salterà la sifda contro il Barcellona. Su Pato, partito per gli Usa: "Fiducia in un suo pieno recupero"
Adriano Galliani non perde il sorriso. Pato sta volando negli Stati Uniti per cercare di risolvere i prori guai muscolari, Thiago Silva è k.o. per un problema al bicipite femorale della gamba destra: entrambi salteranno la gara di Champions contro il Barcellona.

L'ammistratore delegato del Milan resta ottimista e respinge le critiche sull'infortunio del difensore: "Pato l'ho visto sereno, potrebbe essere la volta buona per risolvere la sua situazione. Thiago non doveva giocare contro la Roma? Noi schieriamo sempre i migliori...".

Intervistato a margine del Consiglio di Lega in programma oggi a Milano, Galliani si sofferma su Pato. Il brasiliano è in volo per Atlanta, destinazione 'Life University of Marietta': il professor Frederik Carrick cercherà di scoprire il perché dei frequenti problemi muscolari del 'Papero'. "Il ragazzo è tranquillo - spiega Galliani - siamo fiduciosi. L'intenzione è quella di superare definitivamente questa situazione fastidiosa".

Su Thiago Silva, sabato costretto a lasciare il campo dopo pochi minuti: resterà fuori un mese. "Nessun rimpianto per il suo problema fisico, fa parte del gioco. Il Milan utilizza sempre i propri campioni, è la nostra filosofia. Questo vale per il campionato, la Champions e le fasi finali della Coppa Italia. Prendete Ibrahimovic: aveva male alla schiena, ma contro i giallorossi ha giocato lo stesso. Fosse rimasto fuori, forse non avremmo vinto... Ibra il migliore dell'era Berlusconi? Sicuramente è uno dei più bravi, ma nell'era Berlusconi ne abbiamo avuti tanti; se sia il più bravo in assoluto questo non lo so".

Galliani guarda con ottimismo alla sfida contro il Barcellona: "Sarà una grande partita, ma noi siamo abituati a gare come queste. Siamo abituati a lottare come sta succedendo anche in campionato. Lo scorso anno lottavamo con l'Inter, quest'anno con la Juve: siamo sempre li. L'importante è tenere sempre la squadra al top, poi si vince, si perde e si pareggia, ma l'importante è essere lì".

Guai però a parlare di un Milan in campo per lo 0-0 casalingo: "Sempre meglio vincere - sottolinea Galliani - con il Barça ce la siamo sempre giocata, nelle due partite di girone sarebbe finita 4-4 più un rigore a mio modo di vedere dubbio. E' vero, il Barcellona è la squadra campione in carica e che gioca il calcio migliore del mondo, quindi non siamo stati fortunati nel sorteggio, ma sono certo che anche loro non si ritengono fortunati per aver trovato sulla loro strada il Milan".

In chiusura l'ad rossonero applaude la Primavera dell'Inter: "Complimenti per la vittoria perché quando si conquista un successo in Europa è sempre una bella cosa. In un paio d'anni la Next Gen Series diventerà una manifestazione organizzata dall'Uefa".