Dopo averlo scoperto, Bagni presenta Taider ai tifosi bianconeri: "Juve, sarà il tuo nuovo Marchisio. Un jolly di centrocampo cattivo e affamato"

"Il trasferimento alla Juve? Era al settimo cielo. Non se l’aspettava. Saphir ha bruciato le tappe senza montarsi la testa" ha affermato l'ex uomo mercato emiliano.
Destianto in futuro a indossare la casacca della Juventus: oggi, però, Saphir Taider giocherà con quella del Bologna, proprio contro i bianconeri. Scoperto da Salvatore Bagni al tempo del suo lavoro come uomo mercato emiliano, il giovanissimo centrocampista francese (padre tunisino, madre algerina) sta stupendo tutti per le sue enormi qualità.

"Giocatore tecnico, con una spiccata personalità. Irruento e sportivamente cattivo. Tutte qualità fondamentali per non patire il salto dalle giovanili alla prima squadra" sono le caratteristiche di Taider secono il suo scopritore Bagni, intervistato da 'Tuttosport'.

Dopo essere rimasto svincolato dal Grenoble, il 20enne è arrivato a parametro zero in rossoblù: "Che fosse un tipo con qualità e personalità però l’aveva dimostrato subito. Alla prima amichevole stagionale ha realizzato un gran goal su punizione: a 20 anni e in un nuovo club non è una cosa da poco. Taider è determinatissimo. Come ho detto a lui: “Ragazzo, caratterialmente mi rivedo in te: cattivo e affamato".

Pioli lo utilizza come trequartista, ma secondo Bagni si tratta di "un jolly di centrocampo alla Marchisio. Il trasferimento alla Juve? Era al settimo cielo. Non se l’aspettava. Saphir ha bruciato le tappe senza montarsi la testa".

A Bologna, in cambio di Taider (in comproprietà) è arrivato Sorensen, ora come ora fuori dai giochi rossoblù: "Marotta e Paratici sui giovani hanno un fiuto particolare. Se sono convinti, affondano con decisione. Ora Taider non dovrà avere fretta. E’ un giocatore della Juve, di un club d’elite, se poi sarà pronto tra uno, due o tre anni dipenderà molto da lui".