Chievo-Inter 0-1: Balotelli mette TRE PUNTI nella calza nerazzurra tra le PROTESTE gialloblù

Esordio in nerazzurro per il neo-acquisto Pandev. SuperMario-goal, nerazzurri campioni d’Inverno.

Il 2010 si apre come si era chiuso il 2009: nel segno dell’Inter. In attesa di conoscere i risultati delle dirette concorrenti, la formazione di Mourinho passa anche sul difficile campo del Chievo con il punteggio di 1-0 e vola momentaneamente a +11 punti sul secondo posto. La compagine nerazzurra, pur non giocando una grandissima partita, riesce a trovare il successo grazie ad un lampo in apertura di Balotelli, che castiga un Chievo apparso troppo timoroso al cospetto della compagine nerazzurra.

In campo – Di Carlo può contare su tutta la propria rosa, ad eccezione degli indisponibili Moro e Scardina. Rientra quindi Sardo in difesa, Bentivoglio confermato sulla trequarti, mentre torna titolare anche Marcolini. Problemi di formazione invece, in casa Inter: oltre ad Eto’o,  impegnato in Coppa d’Africa con il Camerun, i nerazzurri devono fare a meno degli squalificati Stankovic e Thiago Motta, di Muntari, infortunatosi nell'ultima sfida disputata contro la Lazio, e di Cambiasso out per un problema al polpaccio. Spazio dal primo minuto dunque per Pandev, schierato sulla linea dei trequartisti composta oltre che da lui, da Sneijder e Balotelli, dietro l'unica punta Milito.

Si gioca – In via sperimentale, ma certamente di routine a partire dalla prossima stagione, il campionato riparte con una partita all'ora di pranzo. Al “Bentegodi” la serie A riapre i battenti dopo la pausa natalizia mandando in scena Chievo-Inter, match valido per la penultima giornata del girone di andata. Pronti-via, è subito il Chievo a rendersi pericoloso: Pellissier entra in area dalla sinistra e calcia verso la porta ma la palla finisce di poco a lato sull'esterno della rete. I primi minuti sono caratterizzati da ritmi piuttosto lenti e da tantissimi falli che non fanno altro che spezzettare eccessivamente il gioco: al 10’ è però ancora la squadra di casa a farsi vedere in zona d’attacco con il solito Pellissier toccato in area da Cordoba. I clivensi reclamano il penalty ma per Pierpaoli non ci sono gli estremi per il calcio di rigore e così, sul capovolgimento di fronte, contropiede micidiale innescato da Pandev con Balotelli che mette dentro l’1-0 nonostante una prima respinta di Sorrentino. Dopo il vantaggio, pur rimanendo padrona della partita, l’Inter gioca un po’ sotto ritmo: la squadra di Mourinho fa girare piano il pallone permettendo ai gialloblu, pur soffrendo, di difendersi con ordine. Le pessime condizioni del terreno di gioco non favoriscono certamente la manovra nerazzurra: i principali pericoli arrivano cosi da un’improvvisa e pericolosa conclusione da fuori di Maicon prima, e da un tiro dalla media distanza di Vieira poi. La reazione del Chievo, apparso piuttosto frastornato dopo la rete ospite, è tutta in una chance di Bentivoglio che in spaccata impegna a terra Julio Cesar dopo un suggerimento dalla sinistra di Bogdani. Nel finale di tempo, splendida azione personale di Chivu che entra in area dopo uno splendido slalom, ma il suo tiro viene deviato in angolo da un difensore.

Il secondo tempo si apre subito con un grande spavento: sugli sviluppi della prima azione d’attacco dei padroni di casa, brutta testata tra Pellissier e Chivu con entrambi i calciatori che restano a terra storditi. Ad avere la peggio è il difensore rumeno dell'Inter che viene portato fuori dal campo in barella: al suo posto subentra Materazzi, con il conseguente spostamento a sinistra di Cordoba. Tra cambi e ammonizioni, arrembaggi interisti e ripartenze clivensi, la ripresa, seppur più intensa rispetto alla prima frazione, non regala grosse emozioni in zona goal. La chance migliore è per Abbruscato che, servito dalla destra dall’ottimo Luciano, mette fuori da sotto misura dopo aver anticipato nettamente Lucio. Nel finale, il Chievo prova a spingere con maggiore convinzione ma la formazione di Mourinho si chiude bene e non offre spiragli.

La chiave – Cinica e compatta, l’Inter di Mourinho nonostante le numerose assenze porta a casa tre punti fondamentali: in una partita equilibrata e poco spettacolare, è la qualità dell’organico nerazzurro a fare la differenze rispetto ad un Chievo volenteroso ma apparso fin troppo timoroso.

La chicca – Giocare all’ora di pranzo non è una novità assoluta per il calcio italiano. Il primo precedente risale a dieci anni fa, 9 gennaio del 2000, sfida di campionato tra Parma e Juve; nel torneo scorso invece, toccò ad Atalanta e Fiorentina scendere in campo alle ore 13. Stavolta però il confronto tra Chievo e Inter servirà soprattutto a preparare il pubblico italiano a quello che dalla prossima stagione diventerà un appuntamento fisso del campionato: una soluzione molto cara soprattutto alle pay-tv, da sempre interessate al famoso “spezzatino”.

Top&Flop – Ottima partita per Balotelli, che con la sua rete in apertura ha di fatto deciso la partita. Buona prova anche di Vieira (probabilmente il migliore in campo) e del solito Sneijder. Sulla sponda gialloblu, ancora una prestazione sufficiente per Yepes, continuo nell’arco dei novanta minuti e sempre più leader della compagine gialloblu.

Domenico Latella
 
IL TABELLINO

CHIEVO-INTER 0-1
 
MARCATORI: 12’ Balotelli
 
CHIEVO VERONA (4-3-1-2): Sorrentino 6; Sardo 5.5, Mandelli 6, Yepes 6.5, Mantovani 5.5; Luciano 6 (84’ Granoche s.v.), Rigoni 6, Marcolini 5.5; Bentivoglio 5 (59’ Pinzi 5.5); Bogdani 5.5 (59’ Abbruscato 6), Pellissier 6. A disposizione: Squizzi, Morero, Ariatti, Frey. All. Di Carlo 5.5

INTER (4-2-3-1): Julio Cesar 6; Maicon 5.5, Lucio 6, Cordoba 6 , Chivu 6 (48’ Materazzi 6); Vieira 7, Zanetti 6.5; Balotelli 7 (86’ Arnautovic s.v.), Sneijder 6.5, Pandev 6.5 (67’ Quaresma 6); Milito 6. A disposizione: Toldo, Stevanovic, Donati, Crisetig. All. Mourinho 6

ARBITRO: Pierpaoli 5

AMMONITI: Sardo, Marcolini, Pellissier (C); Chivu, Balotelli, Vieira, Cordoba, Quaresma, Maicon (I)