Paloschi vince il Premio Silvio Piola e punta il duo Gila-Inzaghi…

Il prestigioso riconoscimento finisce nelle mani della punta del Parma: “Mi piacerebbe ricalcare le orme di un certo Gilardino…”.
Il miglior giovane della stagione 2008/09 è stato lui: Alberto Paloschi. Presso il lussuoso Teatro Civico di Vercelli, l’attaccante del Parma ha ricevuto l’ambito riconoscimento Migliior Attaccante Under 21, premio, giunto all’ottava stagione, che, ogni anno, viene assegnato al miglior giovane italiano in circolazione.

Il giovanissimo centravanti gialloblù succede, nell’albo d’oro del “Premio Silvio Piola”, a Robert Acquafresca (2008), Graziano Pellè (2007), Raffaele Palladino (2006), Giampaolo Pazzini (2005), Alberto Gilardino (2004), Giuseppe Sculli (2003) e Massimo Maccarone (2002): “Per me è un onore ricevere questo premio –ha dichiarato lo stesso Paloschi al momento di ricevere il 'Premio Silvio Piola'- Sono felicissimo, è un premio importantissimo a cui tengo molto”.

Talmente tanto da sognare di emulare uno che, questo premio, l’ha vinto: “Mi piacerebbe ricalcare le orme di Alberto Gilardino che, questo premio, l’ha vinto. Penso a quello che ha fatto per il Parma e alla sua carriera e mi piacerebbe fare altrettanto bene…”. Ovviamente si parla anche di Milan: “Beh, sicuramente tornare al Milan farebbe piacere. Io l’erede di Inzaghi? Al momento sono solamente Paloschi. Comunque, quando ero al Milan, ho cercato di imparare il più possibile da lui. Già fare la metà dei goal che ha fatto in carriera sarebbe una cosa straordinaria”.

Intanto, la nuova stagione, è iniziata alla grande, con 2 reti in 3 giornate: “Mi trovo benissimo a Parma, speriamo di continuare così. C’è un grande gruppo”. E c’è anche un certo Alberto Paloschi…

Fabrizio Ponciroli
(si ringrazia Andrea Moscatelli)