Il Livorno ha presentato Vittorio Russo, il suo mister... "ufficiale"

E' stato presentato ufficialmente anche il neo-acquisto Marchini.
Anche il Livorno ha il suo "allenatore", dopo la bocciatura della FIGC a Gennaro Ruotolo, non ancora in possesso del patentino di prima categoria, serviva un tecnico che lo avesse e la società di via Indipendenza ha effettuato la sua scelta. Scartate le ipotesi Jaconi, Manicone ed Eranio, tocca a Vittorio Russo, settantenne di Trieste. Ufficialmente sarà lui il nuovo tecnico amaranto, ma è lampante che il vero responsabile dell’area tecnica sarà Gennaro Ruotolo, nell’organigramma allenatore in seconda.

Triestino di nascita, è nella sua città natale che Russo svolge quasi tutta la sua carriera. Pochi trascorsi da calciatore, nella Sambenedettese fino agli anni sessanta, inizia la carriera di allenatore-giocatore nelle formazioni dilettantistiche del nord-ovest, fino ad approdare in C2 con la Pro Gorizia. Ottenuto il patentino di seconda categoria inizia la collaborazione con la Federazione che ne caratterizzerà quasi tutta la carriera. Nello staff dell’Under 21 collabora con il compianto Rossano Giampaglia e con Marco Tardelli, conquistando tre titoli europei. Nel 2005 torna nella natia Trieste, guidando la Primavera alabardata con un breve intermezzo anche sulla tolda di comando della prima squadra. Nella passata stagione ha svolto le mansioni di secondo di Walter Mazzarri alla Sampdoria. Come detto sarà lui l’allenatore "ufficiale" e pertanto si presenterà in sala stampa, ma il vero e proprio responsabile della prima squadra sarà Gennaro Ruotolo, il tecnico che nella scorsa stagione ha riportato il Livorno nella massima serie.

Assieme al nuovo allenatore è stato presentato anche l’ultimo, in ordine di tempo, acquisto del Livorno. L’esterno destro Davide Marchini, in prestito dalla Triestina ma nella passata stagione 18 presenze con il Bologna. Due stagioni fa, dopo la prima stagione a Cagliari, l’esterno di Portomaggiore, provincia di Ferrara, era uno dei più promettenti del torneo, si parlava di un interessamento delle grandi e invece dopo l’aspro litigio con il compagno Pasquale Foggia, la sua carriera ha subito un brusco stop: un anno di inattività con il Cagliari, appena una presenza, prima delle 18 presenze nella passata stagione con i felsinei. Nel 3-4-1-2 di Ruotolo, pardon di Russo, si giocherà il posto di esterno destro con l’altro nuovo acquisto Raimondi consapevole che il prossimo campionato deve essere per lui quello della svolta: a 28anni ha tutto il tempo per riappropriarsi delle perdute ambizioni.

Dopo la presentazione di Russo e Marchini, la squadra è salita sul pullman, destinazione Valdaora, provincia di Bolzano, dove gli amaranto rimarranno fino al 30 Luglio. Sono 25 i convocati e a sorpresa non c’è Fabio Galante, mentre Alessandro Grandoni non è partito perchè costretto a 7 giorni di stop da una fastidiosa faringite febbrile.

Ecco i 25 convocati:

PORTIERI: Alfonso De Lucia (1983), Francesco Bardi (1992), Andrea Conti (1989)
DIFENSORI: Fabrizio Di Bella (1988), Alessandro Grandoni (1977), Dario Knezevic (1981), Leonardo Martin Miglionico (1980), Romano Perticone (1986), Marcus Paixao Diniz (1987), Mirko Pieri (1978), Welle Ossou (1991), Samuele Modica (1991)
CENTROCAMPISTI: Martin Bergvold (1984), Antonio Filippini (1973), Massimo Loviso (1984), Nico Pulzetti (1984), Cristian Raimondi (1981), Dabide Marchini (1981), Antonio Candreva (1987), Luca Simeoni (1990)
ATTACCANTI: Gaston Cellerino (1986), Tomas Danilevicius (1978), Federico Dionisi (1987), Francesco Tavano (1979), Alessandro Diamanti (1983)

Alessandro Guerrieri