Notizie Risultati Live

Catania-Reggina 2-0: Il miglior attacco? LA DIFESA!

Era una sfida salvezza anomala. Per il Catania significava trovare un risultato per riprendere la marcia interrotta con la pausa natalizia e allontanare la zona calda. Per gli amaranto sempre un'ultima spiaggia. Vincono gli etnei, anche più facilmente del previsto con due reti di difensori ma contro un avversario inesistente che già dopo la prima rete si scioglie come la neve al sole. E così Zenga si tira fuori da un'involuzione pericolosa, mentre per gli amaranto lo spettro della serie B è ormai una realtà con cui convivere. Foti farebbe bene a sperimentare i giovani per la cadetteria, gli uomini di oggi in campo sono apparsi vecchi e demotivati.

In campo - Orlandi schiera a sorpresa Cirillo alto a destra al posto di Krajcik, posizionando Di Gennaro all'altezza di Corradi in avanti. Zenga schiera il tridente Morimoto - Paolucci - Mascara  e conferma la difesa. A centocampo Tedesco, ex, titolare, per maggiore vigore atletico. .

Si gioca - La Reggina perde subito Santos: Orlandi manda nella mischia Krajcik. Il Catania al 10' mette i brividi agli ospiti con una punizione dal limite di Mascara, con Puggioni fermo e pallone a lato di un soffio. Risposta flebile della reggina con Cozza da fuori, ma palla molto alta. Sempre il capitano amaranto mette in difficoltà Bizzarri con un cross dalla trequarti lisciato da Corradi e Stovini: il portiere attende ma alla fine riesce a respingere. Alla mezzora Catania sempre pericoloso su calcio d'angolo: Mascara sulla linea di porta non riesce a deviare nello specchio a portiere battuto. Un paio di minuti dopo comunque la Reggina capitola, su un tiro di Capuano dopo una respinta di Puggioni fuori area. Nulla da fare per Valdez sulla linea che si vede passare il pallone sotto i piedi.

La ripresa inzia al piccolo trotto: al 58' la prima conclusione in porta con Corradi, dal limite, la palla finisce alta.  Bizzarri ancora protagonista in anticipo su Corradi: il portiere etneo giunge prima sulla punizione di Di Gennaro. Quest'ultimo al 65'arriva a tu per tu con Bizzarri, ma il pallone finisce sul portiere. Il Catania perde un po' il passo, soffre non poco, ma gli ospiti non ne approfittano. Arriva il raddoppio così tra uno svarione e l'altro della difesa amaranto di Potenza, altro difensore, che si ritrova un pallone vagante respinto malamente e con sufficienza da Lanzaro. Il match finisce qui, con Zenga che preserva i suoi per il derby contro il Palermo e con gli amaranto incapaci di trovare neanche la rete della bandiera.

La chiave - Appannamento del Catania al quarto d'ora della ripresa. Palloni persi a centrocampo. Gli ospiti non solo non ne approfittano, ma permettono agli etnei di trovare il raddoppio con Potenza dopo una serie di svarioni difensivi in pochi minuti.

La chicca - Mascara serpeggia tra centrocampo e attacco verso la mezzora del primo tempo. Il tiro poi non è dei migliori, ma i dribblings sono da manuale.

Top&Flop - Amaranto sottotono, rinunciatari e perdenti troppo in fretta. Manca il carattere per tutti gli uomini di Orlandi che non provano neanche una minima reazione nella ripresa. Nel Catania invece spiccano Capunano e Potenza, difensori goleador, e Mascara, sempre in allerta e pericoloso.

Luigi Maria Borselio

IL TABELLINO

CATANIA - REGGINA 2-0
Marcatori: 34' Capuano (C), 73' Potenza (C)

CATANIA (4-3-3) Bizzarri 7, Potenza 6.5, Silvestre 6, Stovini 6.5, Capuano 7, Biagianti 6, Ledesma 6, Tedesco 6,5, Morimoto 6, ( 82'Spinesi), Paolucci 5,5 (74' Baiocco sv), Mascara 6,5 (78' Llama sv). A disposizione: Acerbis, Silvestri, Carboni, Martinez. All. Zenga 6.5.

REGGINA 3-5-2): Puggioni 5.5, Lanzaro 5, Valdez 5.5, Cirillo 5.5 (85' Sestu sv), Costa 6, Santos sv (8'Krajcik  5.5), Carmona 4.5 (74' Ceravolo sv),  Cozza 6, Barreto 5.5, Di Gennaro 5, Corradi 5. A disposizione: Marino, Lanzaro, Barillà, Hallfredsson, Cascione.  All.Orlandi 5.

Arbitro: Mazzoleni 6.5

Ammoniti: 29' Cirillo (R), Krajicik (R)

Recupero: 1' pt; 3'st.