Pogba nel FIFPro World XI 2015, i complimenti della Juventus: "Fieri di te"

Primo riconoscimento internazionale per Pogba che è stato inserito dalla FIFA nel FIFPro World XI 2015: "Grazie alla Juventus". Il club applaude: "Fieri di te".

Pogba alla cerimonia del Pallone d'Oro, il sogno è realtà. Il francese, da quando ha iniziato a giocare, d'altronde non ha mai nascosto come il suo obiettivo sia un giorno quello di mettere le mani sul più prestigioso riconoscimento per un calciatore ma, al momento, il centrocampista della Juventus si è dovuto accontentare di un premio di consolazione. Se così si può definire.

Pogba, infatti, è stato inserito dalla FIFA nella top 11 della scorsa stagione ed è peraltro l'unico rappresentante non solo della Juventus vice-campione d'Europa ma di tutto il calcio italiano Mentre, ancora una volta, a farla da padrone sono stati Real Madrid e Barcellona con quattro giocatori a testa.

Ovviamente felicissimo Pogba, che si è presentato a Zurigo con una discutibile giacca nero ed oro in compagnia della mamma, ha quindi voluto ringraziare tutti tramite i suoi profili social con un particolare occhio di riguardo nei confronti dei tifosi.

Non poteva mancare, poi, l'omaggio della Juventus che pochi minuti dopo la proclamazione di Pogba ha celebrato su Twitter il proprio numero 10: "Siamo fieri di te, campione". Seguita dalla Francia che sottolinea come ad appena ventitrè anni il Polpo sia già tra i migliori al mondo.

Per vincere il Pallone d'Oro, insomma, ci sarà tempo anche se lo stesso diretto interessato intervistato da 'Premium' a margine della cerimonia ha ammesso: "Spero anch'io di vincere un giorno anche se non sono un attaccante, ma c'è molto da lavorare. Come ho sempre detto era un sogno essere qua con questi grandi giocatori, sono molto emozionato e voglio sentire questa adrenalina tutti gli anni".

Infine Pogba, intervistato da 'Sky Sport', ha smentito qualsiasi rumors di calciomercato sottolineando: "La foto con Messi e l'interesse del Barcellona? Ho fatto la foto con tutti, la gente può pensare qualsiasi cosa. Essere con questi campioni è un onore, li vedevo giocare quando ero piccolo. Senza la Juventus non sarei qui. Sia Buffon che Allegri meritavano di essere qua con me oggi, quando vedo Gigi gli dico sempre che è veramente il numero uno".

A confermare il grande feeling tra Pogba e l'ambiente bianconero, d'altronde, c'è anche l'autorevole presenza di Agnelli che ha accompagnato il francese fino a Zurigo e nell'occasione si è lasciato coinvolgere dal suo campione nell'ormai famosa Dab dance. Un vero e proprio tormentone che alla Juventus evidentemente non risparmia nessuno, presidente incluso.