Juventus-Bordeaux 1-1: Iaquinta illude la "Signora", Plasil la riporta giù

I bianconeri non sono riusciti a fare bottino pieno contro i girondini.
Pareggio più che giusto della Juve con il Bordeaux. I padroni di casa troppo spreconi, hanno subito la migliore organizzazione di gioco dei francesi. 

In campo –  Ferrara schiera Legrottaglie al posto di Chiellini (squalificato) e Caceres al posto di Grygera. Del Piero ancora fuori per infortunio guarda la partita con la moglie Sonia dal palco dell’Olimpico. Bordeaux in formazione tipo imbattuta da 18 gare consecutive.

Si gioca – I Girondins portano ricordi contrastanti all’Olimpico di Torino dato che proprio contro di loro la Juve giocò la semifinale che poi la portò alla tragica partita dell’Heysel. Oggi come ieri i bianconeri sono determinati a vincere. Ma la determinazione non basta. Infatti i francesi partono subito in quarta costringendo ad un buon anticipo Legrottaglie. Mengazzo salta Cannavaro e di fatto da il via alla prima vera occasione da goal della serata ma un grandissimo Buffon si supera sul diagonale di destro centrocampista di Blan. Avvio di gara a dir poco autorevole del Bordeaux, che fa suo il gioco e il possesso palla. All’8 altra uscita alta in sicurezza di Buffon sul cross dalla sinistra di Tremoulinas. Buffon ancora protagonista un minuto dopo, molto attento su un tiro-cross di Diarra. La Juve si fa vedere per la prima volta in avanti con un destro alto di Marchisio davvero molto distante. L’ex milanista incompreso Gourcuff lascia Felipe Melo sul posto, poi sbaglia l’appoggio in profondità. Ancora protagonista Felipe Melo che chiede invano il cartellino giallo dopo essere stato steso da Diarra. Grosso s’invola sulla fascia, lascia partire un tiro-cross che viene deviato in angolo. Il primo per la Juve che però non ne approfitta anzi spreca con un tiraccio di Tiago. Amauri viene pescato in fuorigioco un paio di volte. La Juve continua ad attaccare con Iaquinta che non riesce a sorprendere Carrasso con un pallonetto. Cresce il ritmo della partita. Piove a dirotto a Torino e il terreno di gioco inizia a rovinarsi. Giovinco si conquista una punizione, ma i bianconeri non ne traggono alcun vantaggio. Blanc chiede grande sacrificio a Diarra che deve dare una mano per contenere Iaquinta. Match in equilibrio con i francesi che dopo un avvio pimpante hanno un po’ subito la crescita della Juventus. Giovinco ci prova dalla distanza con una gran botta, Carrasso sicuro blocca. Al 36’ Carasso rischia molto uscendo a vuoto su un angolo battuto da Giovinco, ma nessuno juventino approfitta della papere del portiere. Sullo scadere del tempo regolamentare ancora pericoloso il Bordeaux con un colpo di testa largo di Ciani originato da un angolo calciato dalla sinistra da Gourcuff. Primo tempo finisce in assoluta parità.  

Il Bordeaux non è assolutamente rimasto negli spogliatoi e già al 46’ si rendono pericolosissimi con Wendel, Legrottaglie davvero provvidenziale. Il terreno di gioco è diventato molto pesante con zolle di terreno che si alzano. Un minuto dopo è Buffon ad essere provvidenziale quando con i pugni ribatte una punizione da sinistra di Gourcuff tirata direttamente in porta. Ancora un altro duello Buffon – Gourcuff con il portierone italiano che fa una grande parata di piede su un sinistro molto ravvicinato del francese. La Juve reagisce con Iaquinta che se ne va di prepotenza, salta Carrasso, ma spreca in malo modo da posizione angolata. Il portiere dei Girondins rimane a terra contuso dopo lo scontro con Iaquinta. I francesi attaccano e Fabio Grosso chiude magistralmente su Plasil, che era solo a tu per tu con Buffon.  Al 55’ Carrasso non ce la fa più a restare in campi e viene sostituito da Ramé. Al 59’ punizione tirata da Grosso che impegna subito Ramè che mette in angolo. Iaquinta viene fermato in fuorigioco per un paio di occasioni prima di essere protagonista dell’azione che porta in vantaggio la Juve al 63’. Splendida palla Cannavaro che lancia in profondità il compagno di squadra che innesca il turbo sulla fascia sinistra e lascia partire un destro potente sul primo palo. Cannavaro esce per un problema muscolare al linguine accusato proprio nell’azione da goal. Al suo posto Zebina. Il Bordeaux non si arrende e costringe Buffon all’ennesimo intervento da cineteca su Menegazzo. La Juve vuole il raddoppio: Ramè respinge coi pugni un tiro dalla distanza di Felipe Melo. Al 71’ occasionissima per la Juve con Amauri che di testa quasi, quasi beffa Ramè che d’istinto con la mano sinistra salva in angolo. Al 74’ dormita generale della Juventus che si fa raggiungere da Plasil in sospetta posizione di fuorigioco sul secondo palo mette dentro una punizione. La Juve va un po’ in bambola e rischia grosso con Caceres che azzarda un retropassaggio troppo corto per Buffon che si salva con classe su Chamakh che era in agguato. Gourcuff fa passare 5 bruttissimi minuti alla retroguardia juventina. I bianconeri dal canto loro sciupano troppo prima con un destro al volo di Poulsen e poi con Marchisio che colpisce la traversa clamorosamente all’88. La stanchezza inizia a farsi sentire. Nei quattro minuti di recupero il Bordeaux si è reso più pericoloso dei padroni di casa.
     
La chicca – Blanc e Ferrara prima di essere rivali stasera, sono stati compagni di squadra nel Napoli della stagione 91-92. 

La chiave –  Il Bordeaux è sceso in campo organizzato meglio rispetto alla Juventus che si è resa pericolosa solo grazie alle importanti individualità, proprio lei che ha sempre fatto del collettivo la sua forza. 

Top&Flop – Buffon sugli scudi, tornato ai livelli del Mondiale di Germania. Amauri troppo sprecone. Diarra imperioso a centrocampo. Gourcuff fastidioso per la retroguardia bianconera. Buon secondo tempo di Giovinco fino alla sostituzione.    

Carlotta Castelli

TABELLINO

JUVENTUS- BORDEAUX  1-1

MARCATORI: 63’ Iaquinta (J) 74’ Plasil (B)

JUVENTUS (4-3-1-2): Buffon 7.5; Caceres 6.5, Legrottaglie 6, Cannavaro 7 (67’ Zebina 6), Grosso 6.5; Marchisio 6, Felipe Melo 6, Tiago 6 (80’ Poulsen 6); Giovinco 6 (73’ Camoranesi 5.5); Amauri 5, Iaquinta 7. A disposizione: Manninger, De Ceglie, Molinaro,Trezeguet. Allenatore: Ferrara 6.

BORDEAUX (4-2-3-1): Carrasso 6.5 (55’ Ramè 6.5); Chalme 6, Planus 6, Ciani 6, Tremoulinas 6.5; Menegazzo 6.5, Diarra 7; Plasil 6 (76’ Gouffran 6), Gourcuff 6.5, Wendell 5.5; Chamakh 6. A disposizione: Henrique, Juretti, Jussie, Cavenaghi, Bellion. Allenatore: Blanc 6.5

Arbitro: Ovrebo 5.5

AMMONITI:  Ciani (B) Giovinco (J) Gouffran (B)