La Roma ritrova El Shaarawy ma non basta: "Blackout inspiegabile"

Stephan El Shaarawy, autore di una doppietta, è stato una delle poche note liete della Roma: "Sono contento per la mia prova ma arrabbiato per il pareggio".

Una pazza Roma si fa rimontare nel finale dall'Austria Vienna e getta alle ortiche una vittoria che sembrava certa. Nella serata da montagne russe della squadra di Spalletti, spicca la prestazione di Stephan El Shaarawy.

Il 'Faraone' è stato il protagonista assoluto della prima frazione di gioco, con la doppietta - la prima per lui in Europa - che ha consentito alla Roma di portarsi provvisoriamente sul 2-1 dopo il goal austriaco di Holzhauser al 16'. Di Gerson, che ha dato finalmente tracce di sè, e del solito fantastico Totti (alla sua 100esima gara europea) gli assist a beneficio dell'ispirato El Shaarawy.

Roma-Austria Vienna 3-3, la cronaca

Un'ispirazione che, per la verità, è andata progressivamente spegnendosi nella ripresa, tanto che Spalletti ha provveduto alla sostituzione con Salah al 64'. Una sostituzione, come rivelato dal tecnico a fine gara, a scopo in realtà precauzionale più che 'punitivo: "Me l'ha chiesta Stephan, spero che non si sia fatto male".

L'ex milanista, che non andava a segno dal 21 settembre (contro il Crotone il suo unico centro stagionale), aveva dimostrato comunque di non avere ancora i 90 minuti nelle gambe. A fine gara, ai microfoni di 'Sky', la sua disamina del match, all'insegna dell'amarezza per l'esito finale.

"I 2 goal presi negli ultimi 10'? E' stato un blackout inspiegabile, anche in panchina non riuscivamo a spiegarcelo - spiega El Shaarawy - La partita era chiusa, abbiamo pagato a caro prezzo due disattenzioni. Dispiace molto perchè stavamo facendo bene".

Per l'attaccante non tutto è da buttare: "Non dobbiamo tornare indietro, anche se dobbiamo riflettere. Alla fine credo che abbiamo fatto una buona gara, ora però dobbiamo trovare continuità altrimenti non andremo da nessuna parte".

La prestazione di El Shaarawy (4 tiri, di cui 3 nello specchio, e una percentuale di passaggi riusciti del 92,6%, come da numeri Opta) è stata comunque da incorniciare, almeno per quanto visto nei primi 45': "Personalmente sono contento ma sono arrabbiato per il pareggio. Segnare è sempre bello ma stasera dovevamo vincere".