Roma-Kosice 7-1: Uno show a tinte giallorosse

Kosice distrutto, l'avventura europea continua.
Partita senza storia: la Roma con un comodo 7-1 liquida la pratica Kosice nella gara di ritorno del terzo turno preliminare di Europa League ed accede alla fase a gironi della competizione che da quest’anno prende il posto della Coppa Uefa. Una vittoria prevedibile ma comunque importante che permette alla squadra di Spalletti di ritrovare un po’ di serenità e fiducia in previsione della prossima gara contro la Juventus dopo il k.o. esterno contro il Genoa nella prima di campionato.

In campo – Roma in campo con il consueto 4-2-3-1. Juan appena rientrato da un lungo infortunio si accomoda in panchina; per Spalletti quindi scelta quasi obbligata quella di schierare Cassetti al fianco di Mexes data la contingente indisponibilità di Andreolli (infortunatosi contro il Genoa) e Burdisso (non inserito nelle liste Uefa); sulla corsia di destra Marco Motta mentre sulla sinistra rientra dal primo minuto dopo l’esclusione iniziale a Genova John Arne Riise. Confermatissimo nel ruolo di trequartista dietro l’unica punta Totti, Jeremi Menez affiancato da Guberti e Cerci. Solo panchina per Taddei e Vucinic appena recuperato dopo l’operazione al ginocchio. Il Kosice risponde con lo stesso modulo dei giallorossi affidandosi in avanti a Novak, autore nel match di andata di una doppietta.

Si gioca – Se non è record in campo europeo, poco ci manca: 22 secondi appena e la Roma trova il vantaggio con il suo capitano Francesco Totti che comodamente appoggia di piatto nell’area piccola servito da Cerci penetrato in area sulla sinistra su invito di Motta. L’avvio dei giallorossi è devastante. Nell’arco di soli 7 minuti gli uomini di Spalletti realizzano altre due reti che di fatto chiudono il discorso qualificazione: al 5’ è ancora Totti ad andare in rete con un preciso colpo di testa direttamente da calcio d’angolo; al 7’ un destro non irrestibile di Guberti dal limite sinistro dell'area sorprende Schreng che incredibilmente si fa passare la palla tra le gambe regalando la terza rete ai capitolini. Al 15’ prima occasione della partita per il Kosice con Cicman il cui colpo di testa sugli sviluppi di un calcio d’angolo finisce di poco alto sulla traversa. Due minuti dopo è ancora la squadra di Spalletti a trovare la via del gol: numero al limite dell’area di Menez che dopo aver saltato un avversario con un tunnel, vede e serve Cerci in area. Preciso piatto sinistro dell’ala di Velletri e 4-0. Partita evidentemente senza storia. La Roma gioca sul velluto e al 18’ realizza il goal del 5-0 con uno dei suoi uomini migliori, Jeremi Menez smarcato in area da un velo di Totti: il sinistro del francese non lascia scampo al portiere avversario. I giallorossi continuano comunque ad attaccare e tra il 29’ e il 32’ Totti sfiora per ben due volte la sesta rete provando in entrambe le occasioni il cucchiaio.  Al 38’ il Kosice – complice una marcatura piuttosto morbida di Mexes ed un Artur decisamente poco reattivo –  trova la rete della bandiera col mattatore dell’andata Novak, il cui destro potente dal limite dell’area sorprende il portiere brasiliano della Roma sul proprio palo. Al 43’ Totti realizza la rete del 6-1 ma l’arbitro annulla per presunto off-side. Termina quindi la prima frazione di gioco sul netto risultato di 5-1.

All’inizio della ripresa il tecnico della Roma opera una serie di cambi in vista del match interno di campionato contro la Juventus: De Rossi lascia il posto a Faty, mentre Juan e Vucinic subentrano rispettivamente al posto di Cassetti e Menez. Al 60’ i capitolini beneficiano di un calcio di punizione dal limite dell’area piccola dopo un retropassaggio intercettato con le mani dal portiere Schreng: la battuta violentissima di Totti viene però respinta dalla folta barriera predisposta sulla linea di porta dagli uomini di Kozak. Quattro minuti più tardi ancora una magia del capitano romanista permette a Vucinic di ritrovarsi solo davanti a Schreng, stavolta bravissimo nel respingere il tiro del montenegrino. Il portiere degli slovacchi è autore di una ripresa di livello, che parzialmente lo riscatta da una prima frazione inguardabile: al 66’ infatti riesce a deviare un insidioso sinistro di Cerci, mentre al 68’ toglie letteralmente dall'incrocio dei pali un colpo a giro strepitoso di Mirko Vucinic. Nonostante i giallorossi abbiano abbassato il ritmo arriva la sesta rete con un bolide rasoterra di Riise imprendibile per Schreng. Il Kosice continua dignitosamente a giocare la sua partita e all’83’ riesce ad affacciarsi nuovamente dalle parti di Artur ancora con Novak, il cui sinistro finisce fuori di poco. Tre minuti più tardi è però ancora uno strepitoso Francesco Totti ad andare in rete con un gran destro al volo, appena dentro l'area. 7-1 finale, tripletta per il capitano ed applausi anche da parte dei sostenitori del Kosice.

La chiave – Alla Roma è bastato giocare sui suoi livelli per cancellare rapidamente un avversario alquanto modesto tenuto in vita con una scriteriata partita d’andata.

La chicca – 5 gare ufficiali dall’inizio della stagione. 11 reti. Questo lo score di uno strepitoso Francesco Totti vero trascinatore ed elemento imprescindibile per la squadra di Spalletti. Più che una punta, probabilmente alla Roma servirebbe un ulteriore rinforzo in difesa considerate la fragilità dimostrata finora dal reparto arretrato.

Top&Flop – Totti su tutti. Tripletta, assist e giocate che valgono il biglietto. Ancora una buona prova di Menez, non più l’abulico giocatore dello scorso anno. Artur continua a non convincere, dimostrandosi spesso poco preciso nei suoi interventi quanto distratto nel seguire l’evolversi del gioco. Kosice da dimenticare soprattutto nella prima frazione. Soltanto Novak, il più positivo degli slovacchi,  ha provato ad impensierire la difesa romanista riuscendo a mettere il punto della bandiera. Probabilmente preferirà ricordare con piacere solo la gara di andata.

Federico Scarponi

IL TABELLINO

ROMA-KOSICE 7-1

MARCATORI: 1’ Totti (R), 5’ Totti (R), 7’ Guberti (R), 17’ Cerci (R), 18’ Menez (R), 38’ Novak (K), 70’ Riise (R), 86’ Totti (R)

ROMA (4-2-3-1): Artur 5; Motta 6, Mexes 6, Cassetti 6,5 (55’ Juan 6), Riise 6,5; De Rossi 6 (46’ Faty 6), Pizarro 6,5; Cerci 7, Menez 7 (55’ Vucinic 6,5), Guberti 6; Totti 8. All. Spalletti 6,5

KOSICE (4-2-3-1): Schreng 4,5; Kiss 4 (46’ Matic 5), Basista 5, Kaminsky 4 (46’ Skutka 5), Smrek 5; Dobias 4,5, Cicman 5; Viazanko 4,5 ( 9’ Serecin 5), Milinkovic 4,5, Juhar 4,5; Novak 6. All. Kozak 5

ARBITRO: Selçuk Dereli (TUR) 6,5

AMMONITI: nessuno

ESPULSI: nessuno