thumbnail Ciao,
Diretta Live

Bundesliga

  • 20 ottobre 2012
  • • 15.30
  • • Signal-Iduna-Park, Dortmund
  • Arbitro: F. Brych
  • • Spettatori: 80645
1
FIN
2

Borussia Dortmund-Schalke 04 1-2: Lewandowski non basta, la Ruhr si tinge di 'blau'

Afellay gela la Westfalia dopo appena un quarto d'ora, Hoger raddoppia ad inizio ripresa. Poco dopo Lewandowski riapre il match, ma il muro dello Schalke regge fino al 90'.

Revierderby allo Schalke, che torna a vincere coi cugini del Borussia Dortmund dopo anni di vacche magre. Al Signal Iduna Park è andato in scena una partita emozionante fino all’ultimo secondo: in vantaggio proprio gli ospiti all’11’ con una prodezza di Afellay, raddoppio al 47’ di Hoger. Lewandowski accorcia le distanze e ci regale un finale da brivido.

FORMAZIONI – Jurgen Klopp alla fine deve rinunciare sia a Gundogan che a Schmelzer, ma mancano nella formazione anche Gotze e Blaszczykowski, assenti annunciati; Kehl sostituisce Gundogan in mezzo al campo, facendo leva sulla sua esperienza. Gli ospiti presentano il trio Farfan-Holtby-Afellay alle spalle di Huntelaar: in campo dal primo minuto dunque l'ex Barcellona, che sembrava in dubbio dopo gli impegni con la Nazionale Olandese. Dirige l’incontro il signor Felix Brych.

PRIMO TEMPO – E’ il 141esimo Derby della Ruhr, la partita dell’anno per le due tifoserie. Grande spettacolo sugli spalti, solo 30 km separano Dortmund da Gelsenkirchen. Gli ultimi tre incroci in campionato se li è aggiudicati il Dortmund: lo Schalke proverà a invertire il trend. Il Borussia è attardato in classifica: insegue il Bayern Monaco a ben nove lunghezze. Lapalissiano sottolineare che non potrà perdere ulteriore terreno, mentre lo Schalke di Huub Stevens, terzo in classifica a sette punti dai bavaresi, farà di tutto per frustrare le speranze di Meisterschale degli acerrmi rivali. In avvio grande agonismo da parte degli ospiti che provano ad impostare un pressing forsennato, in sostanza le prime fasi di gioco sono confuse, dettate da un match tesissimo cui serve qualcuno che rompa il ghiaccio: ci pensa Afellay all’11’ di gioco. Cross di Farfan dalla destra, rinvio di Bender con Afellay che trova la coordinazione e trafigge Weidenfeller con un destro al volo d'antologia, palo interno e 0-1.

Nonostante il vantaggio è sempre lo Schalke ad attaccare e il Dortmund va in affanno. Il possesso palla dei padroni di casa, comunque falcidiati da pesanti assenze, è sterile e non ha sbocchi offensivi, mentre col passare dei minuti lo Schalke improvvisa un tiki-taka veloce ed efficiente e Huntelaar sfiora il raddoppio. La lente d’ingrandimento si sposta per analizzare Reus, Subotic e Uchida: il primo non riesce ad accendersi, il secondo è il peggiore in campo della prima frazione di gioco; il giapponese è autore di una prova magistrale sull’out di sinistra provocando una forte emicrania a Grosskreutz.

Il primo tiro in porta dei gialloneri è proprio di Reus, poi è il turno di un irriconoscibile Lewandowski che commette non pochi falli in attacco; gli ospiti controllano e si fanno pericolosi in contropiede, il più perfido è Farfan ma spesso viene arginato a pochi passi dall’area di rigore. Si va al riposo con la sensazione che Klopp debba correre immediatamente ai ripari.

SECONDO TEMPO – Si riprende senza alcun cambio da entrambe le parti. Neanche il tempo di ricominciare e sembra già notte fonda per i padroni di casa: al 47’ Huntelaar lavora di sponda per Holtby, il capitano dell’under di prima intenzione con il destro serve Hoger in profonditàm, che arriva a tu per tu con Weidenfeller e lo spiazza con la freddezza del bomber consumato. A questo punto Klopp decide di inserire l’artiglieria pesante buttando nella mischia Schieber, richiamando in panchina il fantasma Perisic; sei minuti più tardi Matip sfiora uno 0-3 che avrebbe affondato del tutto il Dortmund, ma al 54’ Lewandowski accorcia di testa sugli sviluppi di un calcio di punizione.

E’ partita viva, l’arrembaggio dei gialloneri si fa sentire come il pubblico di casa. Si scoprono i padroni di casa, è inevitabile, è una partita in cui può succedere di tutto; Reus e Schieber s’intendono a meraviglia ma manca sempre l’ultima parte, Farfan è sempre una spina nel fianco quando parte in contropiede, ma trova in Hummels un baluardo difensivo insuperabile. Intanto, tra una sostituzione e l’altra, abbassa inevitabilmente il baricentro lo Schalke, costretto ormai nella propria metà campo, e l’undici di Klopp si fa sempre più insistente con Reus in particolar modo.

Non basta, perché gli ospiti resistono agli attacchi avversari (decisivo Unnerstall in varie occasioni) e anche all’assalto finale firmato Lewandowski che regala un finale da brivido e si portano a casa una vittoria importante per il significato del match in sé e per la classifica.

LA CHIAVE – Lo Schalke 04 impone subito un pressing aggressivo e insormontabile e il Dortmund si mostra sterile e opaco, pagando le assenze e il deficit psicologico di un Bayern mostruoso. Nel secondo tempo l’undici di Klopp si sblocca e diventa sfrontato e pericoloso, ma gli ospiti resistono.

MOVIOLA – Al 46’ del primo tempo arriva il primo cartellino giallo di giornata: è per il mastino Hoger per aver atterrato il lanciatissimo Leitner. Al 55’ ammonito Schieber per un brutto intervento su Matip. Animi roventi al 62’ quando viene ammonito Leitner per un’entrata scomposta su Farfan. Nel complesso, abbiamo assistito a un match corretto e agonistico.


Sullo stesso argomento