thumbnail Ciao,
Diretta Live

Serie B

  • 02 giugno 2012
  • • 21.00
  • • Stadio Alberto Braglia, Modena
  • Arbitro: D. Tommasi
  • • Spettatori: 9200
1
FIN
1

Sampdoria vince col totale di 3 - 2

Sassuolo-Sampdoria 1-1: Non basta Valeri ai neroverdi, Pozzi manda in finale i blucerchiati

Sassuolo-Sampdoria 1-1: Non basta Valeri ai neroverdi, Pozzi manda in finale i blucerchiati

Getty Images

I blucerchiati approdano alla finale, che giocheranno contro il Varese, grazie al 2-1 dell'andata ed al rigore realizzato nella gara di ritorno da Nicola Pozzi.

Dopo un campionato travagliato la Sampdoria, grazie al risultato dell'andata (2-1 a Marassi) approda alla finale play-off di Serie B, dove affronterà il Varese, dopo aver pareggiato nella gara di ritorno per 1-1 contro il Sassuolo (a segno Pozzi su rigore e Valeri nella ripresa per i neroverdi).

FORMAZIONI – Il Sassuolo scende in campo con un 3-4-1-2: trai pali Pomini, difesa composta da Marzoratti, Piccioni e Terranova. Gazzola, Magnanelli, Valeri e Longhi formano la linea di centrocampo. Missiroli alle spalle di Boakye e Sansone. La Sampdoria risponde con il migliore 4-3-1-2 possibile: in porta Da Costa, difesa a quattro con Rispoli, Gastaldello, Rossini e Costa. Faro di centrocampo Obiang, affiancato da Munari e Renan. Juan Antonio a supporto delle due punte, Pozzi ed Eder.

PARTITA – Una partita che vale mezza stagione, chi vince va ad affrontare il Varese nella finale play-off, chi perde deve rimandare di una stagione la ricerca della salita in Serie A. Tanti i tifosi Blucerchiati accorsi in massa a Modena per non lasciare sola la troupe di Beppe Iachini. Partire subito forte è un imperativo del Sassuolo che deve recuperare il gol che al momento lo estromette dalla finale. Devono fare la partita i nero-verdi, infatti il possesso di palla nella prima parte della gara rimarcherò questo aspetto, un’occasione buona per la Sampdoria per sfruttare in contropiede l’estro di Eder e di Juan Antonio.

Infatti sono i padroni di casa ad iniziare subito ad attaccare, dopo pochi minuti è Longhi che impegna Da Costa, che blocca a terra. Al 7’ il primo episodio che cambia la storia di questa partita: Eder viene steso in area di rigore da Gazzola, il direttore di gara ammonisce il centrocampista del Sassuolo e decreta il tiro dal dischetto, ad incaricarsi della battuta sarà Pozzi. L’ultimo rigore calciato dal bomber Blucerchiato risale alla penultima giornata di campionato, contro il Pescara, rigore che venne calciato fuori. Non cambia angolo Pozzi per calciare questo tiro dal dischetto ma la precisione è diversa: spiazzato Pomini e Sampdoria che passa in vantaggio. Il Sassuolo cerca di attaccare ma la difesa Blucerchiata si chiude bene. A metà tempo il Sassuolo trova il gol del pareggio ma l’azione, viziata da un fuorigioco di Longhi, viene fermata ed il punteggio quindi non cambia. Non succede altro e le squadre vanno a riposo con il punteggio di 0-1.

La ripresa è la netta continuazione del primo tempo: Sassuolo a rincorrere e Sampdoria in difesa del fortino. Saranno 50 minuti di assedio. Dato statistico a metà ripresa Sassuolo 13 tiri totali, Sampdoria 2 tiri totali, dimostrazione del fatto che la partita è stata quasi tutta di marca nero-verde. Al 6’ minuto del s.t. è Magnanelli a cercare il gol con una sassata da fuori area, Da Costa è coperto dai suoi compagni ma con un guizzo da grande portiere sventa il gol, sarà uno dei tanti interventi che salverà la Sampdoria. Dopo pochi minuti è la Sampdoria che ha il colpo del KO: Juan Antonio vince una serie di rimpalli e si presenta in area, l’ultimo controllo non è dei migliori e perde il tempo del tiro, serve quindi a Munari che spara alto. Qui si spengono tutte le azioni offensive dei Blucerchiati.

Al 17’ arriva il pareggio: azione tutta in verticale sull’asse Valeri-Boakye-Sansone-Valeri, l’Australiano si presenta a tu per tu con Da Costa e lo batte siglando il gol del pareggio. Gli attacchi del Sassuolo sono confusionari e nessuno di essi porterà al secondo gol. L’ultima vera occasione capita sui piedi di Sansone al 38’, la punta calcia a botta sicura ma trova l’opposizione di Rispoli che si immola per difendere la sua porta. Finisce qui una partita “confusionaria”, la Sampdoria raggiunge il Varese in finale play-off.

CHIAVE – La “legge del 3” questa volta non ha funzionato. Il tabù che voleva la 3° classificata in campionato sempre promossa in Serie A dopo i play-off è stato rotto. A raggiungere la finale sono state la 5° e la 6°. Dimostrazione di quanto sia stata divertente questa Serie B.

CHICCA – Le squadre si sono affrontate in tutto 3 volte, due nella stagione regolamentare ed una nell’andata dei play-off. Al “Braglia” l’unica sfida che si racconta è uno 0-0, 1 vittoria Samp ed 1 pareggio invece nelle sfide giocate al “Ferraris”.

TATTICA – 3-4-1-2 contro 4-3-1-2. Due moduli bilanciati ma offensivi, in entrambi il perno del gioco è il trequartista, la differenza la farà la difesa a 4 dei Blucerchiati che con quell’uomo in più riesce a chiudere quasi tutte le offensive avversarie.

MOVIOLA – Il fischietto dell’incontro è il signor Tommasi di Bassano del Grappa. Sassuolo vincente in 5 occasioni con questo direttore di gara, 2 volte in pareggio ed una sola sconfitta (alla prima del Sassuolo in Serie B, nel campionato 2008/2009); Blucerchiati vincenti in un’unica occasione, 2 volte in pareggio e 2 sconfitte (entrambi quest'anno nelle sfide contro Torino e Pescara). Tanti i dubbi su questo arbitraggio ad iniziare dal rigore poco limpido concesso alla Sampdoria, proseguendo con l’intervento in gomitata su Eder (poteva essere espulsione ma l’arbitro ha lasciato correre), finendo con la punizione a tempo scaduto  di Sansone deviata dalla barriera che sarebbe dovuto essere calcio d’angolo; su questa arriverà l’espulsione del capitano nero-verde per proteste.

PROMOSSI&BOCCIATI – Il migliore in campo è sicuramente Da Costa, l’estremo difensore della Sampdoria ha salvato in più occasioni i suoi, ricordando anche il gol parato nella gara di andata. Bene come al solito Pedro e buona la prestazione di Rispoli soprattutto in fase difensiva. Nel Sassuolo ottima la prestazione di Longhi e dell’autore del gol Valeri. Sottotono Sansone.

Sullo stesso argomento