thumbnail Ciao,
Diretta Live

Copa del Rey

  • 18 gennaio 2012
  • • 22.00
  • • Estadio Santiago Bernabéu, Madrid
  • Arbitro: César Muñiz Fernández
  • • Spettatori: 80000
1
FIN
2

Real Madrid-Barcellona 1-2: Cristiano Ronaldo illude il Bernabeu, Puyol e Abidal lo gelano!

Real Madrid-Barcellona 1-2: Cristiano Ronaldo illude il Bernabeu, Puyol e Abidal lo gelano!

Getty Images

Sul tabellino del Barcellona anche due pali, colpiti da Alexis Sanchez nel primo tempo e Iniesta nella ripresa.

"El clasico" in versione quarti di finale è meno spettacolare del solito. Il Barcellona non fa differenza fra coppa e campionato e sbanca ancora il Bernabeu. Al vantaggio del Real Madrid con Ronaldo risponde Puyol in avvio di ripresa, la rimonta si conclude al quindici dalla fine con Abidal a portare in vantaggio gli Azulgrana.

FORMAZIONI - El partido comincia con alcune sorprese nelle formazioni. Mourinho schiera il suo Real con il solito modulo, ma con due sorprese sulla linea difensiva: Carvalho si rivede in campo dopo quattro mesi al centro della difesa e sulla destra Altintop agirà da terzino, Pepe si posizione sulla mediana come diga davanti la difesa. Anche per Guardiola ci sono novità, quella che fa più scalpore è Pinto fra i pali al posto di Victor Valdes e Fabregas che agisce quasi da punta fra Sanchez e Messi.

PARTITA
- La partita inizia con un buon ritmo: con il Barca a fare possesso e il Real a cercare di dare pressione ai palleggiatori azulgrana. La scelta di Pinto in porta segna subito il match. Al decimo una bella ripartenza delle merengues orchestrata da Benzema viene capitalizzata da Ronaldo con un sinistro potente ma centrale che passa fra le gambe dell’estremo difensore. Il Barca non ci sta e cerca subito il pari con Sanchez che, servito magistralmente da Fabregas, colpisce la traversa di testa cadendo. Il Real riesce a gestire la partita solo finchè tutti i giocatori corrono e pressano, appena il ritmo dei Balcos cala il Barca ricomincia a palleggiare e ad arrivare pericolosamente in area di rigore; clamorosa l’occasione sciupata da Iniesta a due passi da Casillas. La prima frazione si conclude con un Barca frustrato dallo svantaggio e che sbaglia un numero incredibile di passaggi.

Il secondo tempo comincia con il Barca che cerca il pari e lo trova subito con il suo muro onnipresente Sergi Puyol. Il capitano degli azulgrana devia un calcio d’angolo con uno splendido colpo di testa in tuffo alle spalle di Casillas. Trovato il pari, gli ospiti sfiorano subito il vantaggio con Iniesta che viene fermato dalla traversa. Ma la partita è viva e anche il Real sfiora il goal con un palo esterno colpito da Benzema. I Blancos di Mourinho però non riescono a tenere il pressing del primo tempo e i palleggiatori del Barca prendono il sopravvento. La rimonta è compiuta a quindici minuti dalla fine, quando, un meno effervescente del solito, Messi serve Abidal sul filo del fuorigioco. L’esterno controlla e batte Casillas in uscita. Il resto della partita è solo un monologo di palleggi del Barca e di falli indecorosi del Real.

CHIAVE - Il pressing che imprime il Real alla partita gli regala il vantaggio, ma come finisce la pressione degli uomini di Mourinho, sfuma il vantaggio dei padroni di casa e arriva l’ennesima sconfitta.

CHICCA - Ad Eric Abidal, fresco di rinnovo di contratto, non basta aver sconfitto un tumore, si regala anche il goal, lui che non è propriamente un goleador regala a Guardiola l’ennesimo successo e per di più -nello scontro con i rivali storici. Come curiosità aggiungiamo che è la prima volta che il Real perde dopo un goal di Ronaldo.

TATTICA - Mourinho sceglie di piazzare Pepe a centrocampo e questi in fase difensiva pressa su Xavi e Iniesta, mentre in fase offensiva è il fulcro di tutti i palloni alti che il portoghese cerca di smistare per le punte. Il palleggio del Barca soffre i ritmi del Real e troppo spesso si affida ai lanci lunghi facendo imbufalire Guardiola. Quando nella ripresa il pressing del Real cala i ragazzi di Guardiola prendono il predominio del campo giocando il calcio che conoscono meglio.

MOVIOLA - La terna arbitrale fa fatica a tenere la partita in mano, specie nel secondo tempo quando il ritmo del Real diminuisce e iniziano le entrate ruvide. Pepe si salva dal secondo giallo quando l’arbitro non vede che il difensore portoghese passeggia tranquillamente sulla mano di Messi. Anche Carvalho viene graziato, prima solo con un giallo quando stende da dietro il solito Messi e poi quando entra diretto su Alcantara.

PROMOSSI&BOCCIATI - Cominciamo dai padroni di casa: salviamo soltanto Ronaldo, Coentrao e Casillas. Gli altri Blancos si sono sciolti sotto i colpi dei palleggiatori Azulgrana. Calvalho soffre la lunga assenza dai campi di gioco e rischia più volte il rosso. Vergognoso Pepe, quando qualcuno gli passa vicino o commette falli duri o, se viene toccato, si lascia in sceneggiate indecorose, uno spot negativo per il calcio quando cammina sulla mano di Messi. Il Barcellona non è il migliore della stagione, Messi sottotono quasi tutta la partita, e specialmente nel primo tempo arrivano errori anche in fase di palleggio. Fra i promossi i due marcatori sicuramente: Puyol è infinito, la storia di Abidal sarebbe stata già da raccontare prima di oggi, l’esterno francese ci ha aggiunto un goal splendido e decisivo. Bocciamo solo Pinto, inadeguato sul goal di Ronaldo. E se si pensa che il Barca ha vinto la partita praticamente senza portiere...

Sullo stesso argomento