thumbnail Ciao,
Diretta Live

Serie A

  • 30 gennaio 2011
  • • 15.00
  • • Stadio Sant'Elia, Cagliari
  • Arbitro: D. Orsato
  • • Spettatori: 8000
2
FIN
1

Cagliari-Bari 2-1: Matri è il mattatore del Sant'Elia, due messaggi alla Juventus!

Cagliari-Bari 2-1: Matri è il mattatore del Sant'Elia, due messaggi alla Juventus!

Di Okaka il goal della bandiera per i pugliesi.

Il Cagliari soffre nel primo tempo, ma grazie al solito Matri vince una dura partita. Decisivo l’errore dal dischetto di Rudolf. Nel secondo tempo la musica cambia e il Cagliari non fa giocare il Bari.

FORMAZONI
- Ventura schiera Andrea Masiello nel ruolo di terzino destro, con Raggi a sinistra al posto dello squalificato Parisi. In avanti spazio al nuovo acquisto Bentivoglio, alle spalle di Rudolf e Okaka. Nel Cagliari sono assenti per squalifica Conti e Nainggolan. Donadoni dà subito fiducia al nuovo arrivato Missiroli, schierandolo nelle vesti di Cossu, facendo arretrare proprio quest’ultimo in mediana, al fianco del rientrante Lazzari e Biondini. In avanti spazio a Nenè e Matri.

PARTITA – Il Bari inizia la partita senza paura, attaccando e facendosi subito notare con Bentivoglio. Ma all’8' i padroni di casa si portano in vantaggio grazie al solito Matri, servito da Missiroli. Passano solo 4 minuti e il Cagliari raddoppia ancora con Matri, abile a sfruttare sottoporta una deviazione di Gillet. Ma il Bari non ci sta, e al 14' riapre la partita con Okaka, grazie anche alla complicità di Agazzi. Donadoni cerca di sistemare la difesa e chiede più possesso palla in mediana, mentre Ventura incita i suoi e li sprona a fare un altro goal. Il Bari controlla la partita, spinge e si affaccia più volte nell’area cagliaritana guadagnando al 41' un calcio di rigore. Dal dischetto calcia Rudolf ma Agazzi respinge e il portiere rossoblù è reattivo e abile nel deviare in angolo anche la ribattuta a colpo sicuro dello stesso Rudolf. Il primo tempo si chiude senza recupero col risultato di 2-1 per il Cagliari.

Il secondo tempo inizia come si era chiuso il primo: Bari che spinge e attacca, procurando fastidi alla difesa avversaria. Donadoni è preoccupato, e decide di posizionare Cossu nel suo solito ruolo, facendo arretrare Missiroli a centrocampo. E’ proprio Cossu a scuotere i suoi con una conclusione dal limite, bravo Gillet a deviare fuori. Al 58' prima sostituzione della partita: fuori Rudolf dentro Rivas. Il Bari cala vistosamente, mentre il Cagliari è padrone del gioco. La squadra di Donadoni fa girare palla e addormenta letteralmente la partita, concedendo poco e niente ai baresi. All’87' il Cagliari guadagna un rigore, ma Acquafresca (subentrato a Nenè) dal dischetto spreca tutto, facendo fare bella figura a Gillet che manda in angolo. Nel finale il Cagliari va più volte vicino al terzo goal. Dopo 4 minuti di recupero il risultato non cambia: Cagliari batte Bari 2-1.

CHIAVE
– Donadoni nella ripresa decide di posizionare Cossu come trequartista, mossa che risulta azzeccata, visto che da quel momento il Cagliari diviene padrone della partita e non concede più niente al Bari.

CHICCA
- Il Cagliari non pareggia una gara ufficiale dallo scorso 7 novembre (Udinese-Cagliari 1-1). Il Bari ha vinto solo una delle ultime 16 gare disputate in serie A: è accaduto lo scorso 6 gennaio (Lecce-Bari 0-1).

TATTICA – Ventura cambia modulo e schiera il Bari con un 4-3-1-2, dando subito fiducia a Bentivoglio, fantasista dietro Okaka e Rudolf. Donadoni schiera il Cagliari in maniera insolita, spostando Cossu in mediana, nel ruolo di playmaker, e Missiroli nel ruolo di trequartista.

MOVIOLA - D’Orsato al 41' assegna un rigore per il Bari (fallo di Canini su Rudolf). Giusta l’interpretazione dell’arbitro.

PROMOSSI&BOCCIATI – Matri (Voto 7.5) è sicuramente il protagonista indiscusso di questa gara, grazie ai suoi goal, il Cagliari vola. Rudolf (Voto 5) si muove bene, ma è colpevole di avere sbagliato un rigore, e di aver negato quindi il pareggio alla sua squadra.


GOAL.COM E' SU
CLICCA QUI PER DIVENTARE FAN!

GOAL.COM E' SU
CLICCA QUI PER SEGUIRCI!

Sullo stesso argomento