thumbnail Ciao,
Diretta Live

Champions League

  • 12 marzo 2014
  • • 20.45
  • • Parc des Princes, Paris
  • Arbitro: I. Bebek
  • • Spettatori: 45596
2
FIN
1

PSG vince col totale di 6 - 1

Marquinhos festeggia il goal contro il Bayer Leverkusen

Psg-Bayer Leverkusen 2-1: Marquinhos e Lavezzi firmano la rimonta

Marquinhos festeggia il goal contro il Bayer Leverkusen

Getty Images

Qualificazione già in archivio ma partita viva al Parco dei Prinicipi, dove il Bayer Leverkusen va in vantaggio con Sam. Rispondono Marquinhos e Lavezzi, Sirigu para un penalty.

Il Paris Saint Germain vince anche il match di ritorno contro il Bayer Leverkusen e legittima una qualificazione ai quarti già archiviata nella partita dell'andata. Avvio di gara deciso da parte degli ospiti, che passano in vantaggio dopo sei minuti con il bel colpo di testa di Sam, servito da un perfetto cross di Donati.

Immediata reazione dei padroni di casa, che trovano la rete del pareggio con un bel colpo di testa dell'ex Roma Marquinhos. Pochi minuti dopo i francesi rischiano ancora concedendo un rigore ai tedeschi: dal dischetto va però Rolfes, che viene ipnotizzato da Sirigu. Nella ripresa i francesi sigillano il risultato con il primo goal in Champions League di Ezequiel Lavezzi.

FORMAZIONI - Nonostante il largo vantaggio conquistato nel match d'andata, Laurent Blanc non rinuncia ai suoi migliori uomini e schiera il tridente pesante. Ibrahimovic è affiancato da Edinson Cavani e Lavezzi. Occasione per Pastore a centrocampo: l'ex Palermo gioca accanto a Cabaye e Rabiot. In difesa coppia centrale tutta brasiliana con Thiago Silva e Marquinhos, mentre Jallet e Digne coprono le due fasce a protezione di Sirigu.

Il Bayer Leverkusen risponde con il tridente: Derdiyok è il punto di riferimento centrale, ai lati Castro e Sam. In cabina di regia gioca Reinartz, con Can e Rolfes ai lati. In difesa Guardado, Wollscheid, Toprak e Donati davanti al portiere Leno.

PRIMO TEMPO - Grande partenza del Bayer Leverkusen, che approfitta di un approccio troppo morbido del Psg per proporsi subito dalle parti di Sirigu. Il goal ospite arriva proprio dopo sei minuti di gioco: perfetto cross di Donati dalla destra ed inserimento impeccabile di Sam, che batte il portiere avversario con un colpo di testa da distanza ravvicinata. La reazione della squadra di Blanc arriva quasi subito: Ibrahimovic testa i riflessi di Leno con un rasoterra da posizione defilata, messo in angolo di piede dall'estremo difensore tedesco. Sul conseguente tiro dalla bandierina arriva però il pari: Marquinhos prende il tempo a tutti e stacca di testa, trovando l'angolino basso.

Passano solo cinque minuti e ancora Ibra va vicino al goal: gran palla di Cavani per lo svedese, che cerca il tocco sotto ma trova solo la traversa. Il match resta però vivo ed equilibrato, con il Bayer Leverkusen che gioca come se la qualificazione fosse ancora in bilico: al 27' Jallet atterra Derdiyok in area di rigore e per l'arbitro è penalty. Dal dischetto va Rolfes, che però non angola abbastanza e si fa parare il tiro da Sirigu in tuffo. A pochi minuti dall'intervallo c'è spazio per un'altra occasione di marca francese: Ibrahimovic serve benissimo Cavani in area, l'uruguaiano si gira alla grande ma calcia centrale, trovando la pronta risposta di Leno.

SECONDO TEMPO - La ripresa comincia sui ritmi abbastanza alti del primo tempo, con le due squadre che si affrontano a viso aperto. Al 53' arriva però il goal del Paris Saint Germain: grande azione sulla sinistra di Digne, che entra in area e scarica dietro per Lavezzi, che calcia di prima sul primo palo e beffa Leno. A questo punto il Bayer Leverkusen prova ad alzare il proprio baricentro e Donati sfiora la rete al termine di un'azione avvolgente: destro rasoterra ad incrociare diretto all'angolino, ma Sirigu si esalta e compie uno strepitoso intervento in tuffo basso.

Al 64' bella ripartenza dei padroni di casa: Pastore verticalizza per Ibra, che spreca però ancora una volta calciando alto sopra la traversa. Sul ribaltamento di fronte Derdiyok impegna ancora Sirigu con un diagonale da posizione ravvicinata, ma il portiere italiano chiude ancora la saracinesca. Al 68' gli ospiti restano anche in dieci: Emre Can, già ammonito, simula ingenuamente a centrocampo e prende il secondo giallo. La squadra di Blanc rallenta i ritmi rinunciando ad affondare ulteriormente il colpo, consapevole di un obiettivo già abbondantemente raggiunto. A pochi minuti dalla fine c'è spazio per un'altra occasione sui piedi di Pastore: l'argentino entra in area dalla destra e calcia centralmente, trovando i guantoni di Leno.

LA CHIAVE - L'inattesa vivacità del Bayer Leverkusen fa sbandare leggermente i padroni di casa nel primo tempo, ma la solita immensa qualità del reparto offensivo parigino sale in cattedra mettendo al sicuro il risultato. Decisivo più volte anche Sirigu nell'economia del match.

MOVIOLA - Netto il rigore concesso in favore del Bayer Leverkusen per fallo di Jallet su Derdiyok. Corretta anche la distribuzione dei cartellini: giusto il secondo giallo a Emre Can, troppo evidente la simulazione del centrocampista.

Dalle Pagelle:

IL MIGLIORE - Salvatore Sirigu. Si fa trovare pronto quando viene chiamato in causa dagli attaccanti del Bayer, compie un grande intervento sul rigore di Rolfes e si prende l'ovazione del Parco dei Principi. Nella ripresa nega la gioia del goal a Donati con un autentico miracolo.

IL PEGGIORE - Emre Can. Gioca una buona partita proponendosi spesso in avanti. Tiene però troppo il pallone tra i piedi e lascia in dieci i suoi nella ripresa con una simulazione tanto inutile quanto ingenua.

Sullo stesso argomento