thumbnail Ciao,
Diretta Live

Coppa Italia

  • 15 gennaio 2014
  • • 16.00
  • • Stadio Angelo Massimino, Catania
  • Arbitro: S. Peruzzo
  • • Spettatori: 4000
1
FIN
4

Catania-Siena 1-4: La Robur vola ai quarti ed avvisa la Fiorentina

La squadra di Beretta si regala il derby contro la Fiorentina ai quarti di finale grazie alla vittoria in rimonta che condanna gli etnei nonostante l'iniziale vantaggio con Leto.

Il Siena vince sul campo del Catania e vola ai quarti di finale dove ad attenderlo c'è il derby contro la Fiorentina. I bianconeri s'impongono per 4-1 nonostante siano stati i padroni di casa a trovare la rete del vantaggio con Leto. Di Paolucci, Valiani, Pulzetti e Rosseti le firme che valgono il passaggio del turno.

FORMAZIONI - Per gli ottavi di Coppa Italia il tecnico del Catania De Canio manda in campo molte riserve. Andujar prende posto tra i pali mentre la coppia difensiva è composta da Legrottaglie e Gyomber. Lodi viene coadiuvato da Rinaudo e Guarente mentre Leto e Monzon hanno il compito d'innescare Maxi Lopez.

Beretta, dal canto suo, schiera il Siena con una formazione a trazione anteriore. Linea difensiva a tre formata da Matheu, Freddal e Dellafiore. Le chiavi del centrocampo sono affidate a Giacomazzi con Angelo e Valiani sugli esterni. Il tridente è composto da Giannetti, Paolucci e Rosina.

PRIMO TEMPO - E' la squadra toscana a cominciare con il piglio giusto ed a costruire la prima occasione di giornata con il diagonale di Paolucci che chiama alla risposta Andujar. Pronta la reazione del Catania che passa in vantaggio dopo appena 4' di gioco con Leto che ghiaccia Farelli con una botta da fuori area dopo che la barriera toscana aveva respinto l'esecuzione di Lodi.

La formazione di Beretta non si lascia intimorire e continua a giocare a viso aperto. Ci provano Giannetti e Valiani con poca fortuna, quindi è Rinaudo a rispondere con un destro piazzato che non trova impreparato il portiere avversario.

I toscani premono e trovano la rete del pareggio con l'ex Paolucci, lesto a raccogliere la respinta corta di Andujar sul cross di Angelo ed a gonfiare la rete con una conclusione di potenza. A questo punto le occasioni tardano ad arrivare con i bianconeri che fanno girare palla alla ricerca dello spazio da aggredire. L'ultima chance capita a Leto che in acrobazia non trova lo specchio della porta.

SECONDO TEMPO - Il grande equilibrio che si è visto nella prima frazione si ripete anche nella prima parte dei secondi 45' di gioco anche se a dettare i ritmi è il Catania che trova più spazi da aggredire. Nonostante siano gli etnei a comandare il gioco è il Siena a portarsi in vantaggio con la zuccata di Valiani che impatta quel che basta il cross di Rosina per iscriversi al tabellino dei marcatori.

Da questo momento sono gli etnei a costruire le chance più nitide. Prima con Leto che sempre in acrobazia impegna Farelli. Poi è Keko a colpire il palo esterno con Farelli che comunque era in traiettoria. Opportunità capitano anche a Legrottaglie ed ancora a Keko ma il portiere avversario sembra aver abbassato la saracinesca.

La pallagoal più ghiotta capita a Leto che quasi a botta sicura trova la ferma opposizione di Farelli che tiene a galla la sua squadra. Con il passare dei minuti i padroni di casa persono smalto ed i bianconeri trovano la cattiveria per chiudere la partita.

La rete del 1-3 porta la firma di Pulzetti che conclude in modo imparabile per Andujar dopo una discesa centrale senza mai essere contrastato dalla difesa etnea. Quindi sul gong è il giovane Rosseti a festeggiare ed a mettere fine alle ostilità.

CHIAVE - La scelta di De Canio di affidarsi alle seconde linee piuttosto che ai titolari indica la sua volontà di concentrarsi quasi esclusivamente sul campionato. Ed il risultato in campo ne conferma l'intenzione anche se tutto ciò poteva avvenire senza un risultato così pesante.

MOVIOLA - Gara molto corretta quella tra le due compagini con l'arbitro Peruzzo che non è dovuto intervenire con una certa frequenza. Giusta la decisione di non mettere mano al cartellino se non quando è davvero indispensabile.

Dalle Pagelle:

MIGLIORE - Farelli: Silurato da Leto in occasione del goal del Catania, dopo abbassa la saracinesca con alcuni interventi prodigiosi.

PEGGIORE - Monzon: Non riesce mai ad entrare in partita. Poco propositivo in fase di possesso, non aiuta quando c'è da difendere.

Sullo stesso argomento