Verso Inter-Milan: il momento delle due squadre, tra dubbi e certezze

Commenti()
Getty
L'Inter viene da una serie di vittorie consecutive, il Milan è in risalita: ecco il borsino delle due squadre, verso il Derby di domenica.

  1. COME ARRIVANO

    INTER - Dopo la sconfitta contro il Parma del 15 settembre, la squadra di Luciano Spalletti non si è più fermata: sei vittorie consecutive tra Serie A e Champions League. I nerazzurri sono risaliti in classifica fino al terzo posto dopo un avvio disastroso. Adesso la seconda sosta della stagione potrebbe rappresentare un'incognita dopo un filotto così, ma psicologicamente i giocatori dell'Inter hanno una nuova consapevolezza.

    MILAN - Qualche pareggio di troppo per la formazione di Gattuso, che però nelle ultime settimane ha svoltato la sua stagione al pari dei cugini. La classifica non sorride ancora (il Milan è 10°, con una gara da recuperare), ma i rossoneri hanno vinto le ultime due partite, segnando addirittura sette goal. In Europa League, poi, la strada è spianata grazie ai successi contro Dudelange e Olympiacos.

  2. Getty

    LE CERTEZZE

    INTER - Luciano Spalletti ha ormai trovato i suoi punti saldi. Uno su tutti è lo schema: il 4-2-3-1 è ormai un dogma e non si tocca. Poi, manco a dirlo, un ritrovato Mauro Icardi nelle ultime settimane. L'attaccante ha firmato l'ultima vittoria contro la SPAL, risultando decisivo anche in Champions League alla sua prima esperienza. La certezza più grande, fin dall'anno scorso, è la retroguardia: una difesa già ottima con Skriniar e Miranda, alla quale è stata aggiunta una perla preziosa come de Vrij. In mezzo al campo i giocatori imprescindibili sono Brozovic e Nainggolan.

    MILAN - Nemmeno a dirlo, Gattuso si sta godendo in questo periodo un Gonzalo Higuain in forma smagliante: il Pipita sta trascinando il Milan caratterialmente, oltre che a suon di goal. Altro giocatore che vive un momento d'oro è Suso. A proposito: lo spagnolo ex Liverpool difficilmente fallisce un Derby. Bonaventura e Kessié, anche per il modulo che prevede il centrocampo a tre, sono poi i due giocatori che più hanno cambiato il volto della squadra. 

  3. Getty Images

    I BALLOTTAGGI

    INTER - Qualche dubbio di formazione per Luciano Spalletti: in difesa Vrsaljko insidia D'Ambrosio, con quest'ultimo che dovrebbe però avere la meglio. A centrocampo Borja Valero scalpita per una maglia, soprattutto visto il recente infortunio di Vecino e un Brozovic che ha dovuto saltare la sfida contro la SPAL. Sulla fascia destra è ballottaggio aperto tra Politano e Candreva.

    MILAN - Molti meno ballottaggi per Gattuso, che ormai ha scolpito il suo undici titolare. Ricardo Rodriguez in vantaggio su Laxalt, come dall'altra parte Calabria su Abate. Romangoli verso il recupero in mezzo. Nessun dubbio tra centrocampo e attacco. 

  4. Getty Images

    DA VALUTARE

    INTER - Qualche incognita importante per la squadra nerazzurra. Soprattutto a centrocampo, Luciano Spalletti tiene il fiato sospeso per le condizioni di Brozovic (che non ha nemmeno raggiunto la Croazia) e Vecino (che invece si è proprio infortunato in nazionale). 

    MILAN - Gattuso sembra potersi avvicinare al Derby con un certo ottimismo, ma vuole essere sicuro di avere a disposizione giocatori al 100% della forma fisica. Romagnoli e Cutrone, ad esempio, hanno ripreso ad allenarsi con il gruppo ma verranno valutati di giorno in giorno. Stesso discorso per Caldara, destinato comunque alla panchina.

  5. Getty Images

    LE SCELTE

    INTER - Come detto, i due grandi dubbi sono rappresentati da Brozovic e Vecino. Se dovessero recuperare, Spalletti conferma la formazione delle ultime uscite: Handanovic in porta; difesa con Asamoah, de Vrij, Skriniar e D'Ambrosio; Brozovic, Vecino e Nainggolan a centrocampo; Perisic, Icardi e uno tra Candreva e Politano a completare il tridente.

    MILAN - Tutto abbastanza chiaro per Gattuso: Donnarumma in porta; Ricardo Rodriguez, Romagnoli, Musacchio e Calabria in difesa; trio di centrocampo composto da Biglia, Kessié e Bonaventura; classico attacco con Calhanoglu, Higuain e Suso.