thumbnail Ciao,

Leonardo Covarelli e' il nuovo patron degli umbri.

Il Perugia ha un nuovo presidente, il perugino Leonardo Covarelli, negli ultimi tre anni presidente del Pisa, che ha rilevato quattro giorni fa la gloriosa società biancorossa dalla famiglia Silvestrini. E stamani si è svolta la presentazione del nuovo organigramma dell'A. C. Perugia 1905, vecchio nome che aveva accompagnato la storia centenaria di questa gloriosa società prima del fallimento di tre anni fa, riacquisito dalla dirigenza Silvestrini pochi giorni prima del passaggio di consegne. Un Covarelli visibilmente emozionato ha fatto gli onori di casa presentando il nuovo  staff societario che vede un altro perugino, Marco Scarpelloni, già Direttore Generale a Pisa con Covarelli, ricoprire il ruolo di Direttore Sportivo, con Paolo Indiani, l’ultima stagione sulla panchina del Crotone, nuovo tecnico del Grifo. Team manager sarà il napoletano Maurizio Ferrigno, già capitano proprio di quel Pisa che due anni fa è tornato con Covarelli in Serie B.

Appese un mese fa le scarpette al chiodo dopo l’ultimo stagione giocata a Catanzaro, Ferrigno ha aderito con entusiasmo alla proposta arrivatagli dal suo presidente e amico Covarelli. "Per me è una giornata molto emozionante - ha esordito Covarelli - perché tornare a Perugia, la mia passione, è il coronamento di un sogno e al tempo stesso anche una grossa responsabilità ma il fatto che oltre che il presidente sia da sempre un grande tifoso del Grifo, mi dà quella grande carica di entusiasmo che mi aiuterà in questa nuova avventura. E’ inutile nasconderci, vogliamo provare a vincere subito e per riuscirci sarà importante creare subito il gruppo come accaduto a Pisa ed  per questo che ho voluto con me Scarpelloni e Ferrigno che sono stati tra i protagonisti di quella vittoria. Voglio infine ringraziare la città di Pisa per tutto quello che mi ha dato in questi tre anni di positivo e non e mi auguro di poter presto vedere in Serie A, un Perugia-Pisa.” Per quel che concerne il mercato Scarpelloni ha ufficializzato il ritorno di  Adriano Mezavilla  che va ad aggiungersi all’ingaggio del centrale difensivo Luca Fiasconi del Crotone e dei due “primavera” della Sampdoria, campione d’Italia della categoria, il mediano Cucciniello e l’attaccante Ferrari mentre in serata potrebbe chiudersi la trattativa col Vicenza per il terzino di fascia destra Minieri e per il centrocampista Passiglia, anche lui a Pisa nell’anno della promozione in B.      

Era appena terminata la conferenza stampa di presentazione dell'organigramma del Perugia quando, purtroppo, è trapelata la ferale notizia dell'improvvisa morte, in un tragico incidente stradale, a soli ventiquattro anni, dell'ex grifone Gionata Mingozzi. L'incredulità ha subito lasciato il posto al senso di sgomento tra i giornalisti e gli addetti ai lavori presenti. Mingozzi, non ancora ventenne, aveva giocato nel Perugia di Colantuono un grande campionato di B nonostante una fastidiosa pubalgia non gli desse tregua e ne limitasse le presenze, entrando subito nelle simpatie dei tifosi biancorossi. Il fallimento societario lo aveva portato poi  a Genova dove aveva esordito A, nella stagione successiva, con la maglia della Sampdoria. Addio Gionata

Danilo Tedeschini                                    


Sullo stesso argomento