Lazio-Dinamo Kiev 2-2: Moraes gela l'Olimpico nel finale
La Dinamo Kiev passa in vantaggio con Tsygankov, poi la rimonta della Lazio firmata Immobile-Felipe Anderson. Nel finale Moraes firma il pareggio.

La Lazio non va oltre il pareggio casalingo nell'andata degli ottavi di Europa League: contro la Dinamo Kiev finisce 2-2 con le reti biancocelesti di Immobile e Felipe Anderson dopo il goal di Tsygankov. Nel finale Moraes gela l'Olimpico: discorso qualificazione rinviato a Kiev.

Inzaghi si affida a Felipe Anderson, che parte dal primo minuto in coppia offensiva con Immobile. Dentro Murgia a centrocampo con Lucas Leiva e Milinkovic-Savic, Basta e Lukaku sugli esterni. Gli ospiti rispondono con Besiedin, supportato da Morozyuk, Garmash e Tsygankov.

La Lazio parte bene e costringe subito la squadra ospite a difendere con quasi tutti gli uomini nella propria metà campo: la squadra di Inzaghi ci prova soprattutto da destra, dove un ispirato Felipe Anderson mette in costante difficoltà la difesa avversaria. 

L'occasione più ghiotta arriva dal bel cross al volo di Lukaku: la palla è perfetta per Immobile sotto porta, ma Burda salva i suoi con un miracoloso intervento. Il prolungato possesso palla biancoceleste non produce troppi pericoli, mentre la Dinamo si affida alle sponde di Besiedin e alla velocità dei due esterni Tsygankov e Morozyuk in ripartenza.

Ad inizio ripresa la Lazio lascia l'iniziativa alla squadra di Khatskevich, che passa in vantaggio con la bella sponda di Besiedin per Tsygankov, il classe '97 controlla e batte Strakosha di tacco da posizione ravvicinata. La reazione dei ragazzi di Inzaghi è immediata: Felipe Anderson verticalizza per Immobile, che in area non perdona e riporta subito la partita in equilibrio.

Passano 8 minuti e la situazione viene addirittura ribaltata: Milinkovic-Savic pesca in profondità proprio Felipe Anderson, che di sinistro supera ancora Boyko. La Lazio prende fiducia ed il brasiliano sfiora addirittura la doppietta. La partita si accende e a questo punto anche la Dinamo reagisce: il terzino croato Pivaric si sovrappone in area e viene bloccato solamente da un grande intervento di Strakosha in uscita bassa.

La Lazio prova a sfruttare gli spazi più ampi lasciati dalla squadra ucraina, che però al 79' ha la forza di trovare il pareggio con la grandissima conclusione del neo entrato Moraes. In pieno recupero Immobile prende in velocità i due difensori e cerca il tocco sotto a scavalcare Boyko, ma la palla si stampa sul palo. A partita finita Garmash rimedia il secondo giallo per proteste e salterà il match di ritorno.

I GOAL

52' TSYGANKOV 0-1 – Sponda di Besiedin sul cross dalla sinistra: la palla arriva sul secondo palo, dove Tsygankov viene lasciato completamente libero di controllare ed insaccare di tacco ad un metro dalla linea di porta.

54' IMMOBILE 1-1 - Palla in verticale con i giri contati di Felipe Anderson per Immobile, che da posizione defilata trova il diagonale vincente sul palo lontano.

62' FELIPE ANDERSON 2-1 - Filtrante basso di Milinkovic-Savic per il brasiliano, che di sinistro incrocia bene e trova l'angolo basso.

79' MORAES 2-2 - Conclusione improvvisa dalla distanza del brasiliano, che disegna una traiettoria perfetta a scavalcare Strakosha. Botta potente e precisa sotto la traversa.

I MIGLIORI

LAZIO: FELIPE ANDERSON

Migliore in campo per distacco: costante spina nel fianco della difesa avversaria con la solita tecnica sopraffina in velocità. Assist al bacio per Immobile e sinistro vincente, mostra una grande condizione atletica.

DINAMO KIEV: TSYGANKOV

Veloce e tecnico sulla fascia: sempre lucido nell'ultima giocata e nelle ripartenze. Segna un goal pesante sotto porta.

I PEGGIORI

LAZIO: WALLACE

L'articolo prosegue qui sotto

Sbaglia la marcatura in occasione del primo goal della Dinamo Kiev: poco preciso in fase di disimpegno, Inzaghi lo richiama in panchina nel finale.

DINAMO KIEV: SHAPARENKO

Fatica nel giro palla della Lazio a metà campo, perde qualche pallone di troppo.

Commenti ()