Verdi e il no al Napoli: "Dette tante falsità, mi viene da ridere"

CondividiChiudi Commenti
Simone Verdi torna sul suo no al Napoli al 'Corriere della Sera': "Dette cose false, mi viene da ridere. Altri club dietro? Nessuno muove i fili".

La sua è stata una delle trattative più calde dell'ultima sessione di mercato, una telenovela conclusasi con l'epilogo forse meno atteso: Simone Verdi ha deciso di rifiutare le avances del Napoli e di rimanere al Bologna, almeno fino al prossimo giugno.

Intervistato in esclusiva da 'Il Corriere della Sera', l'attaccante italiano ha motivato il suo rifiuto ai partenopei: "Io non ho detto no al Napoli, ho detto sì al mio percorso al Bologna: non potevo andarmene a gennaio dopo tutta la fiducia che ha riposto in me quando venivo dalla retrocessione col Carpi".

"Ho dovuto sentire tante falsità, cose brutte persino sulla mia famiglia e sulla mia fidanzata, che avrebbero interferito nella scelta. Poi ho sbagliato anch’io… Avrei dovuto intervenire subito per spiegare e calmare le acque: invece la mia riservatezza, che ritengo un pregio, ha peggiorato la situazione. L’offerta del Napoli poteva cambiare la mia carriera, lo so. Ma, dopo avere giocato già in sei squadre, a 25 anni qui ho trovato per la prima volta la mia casa calcistica. Sento di avere un progetto da condurre fino a giugno".

Nessuna intromissione di altre squadre come Inter, Milan o Juventus: "Mi viene da ridere. No, nessuno muoveva i fili. So ragionare da solo. De Laurentiis deluso? Forse ho mandato un messaggio sbagliato. Ma sia chiaro: il problema non era Napoli, e non ho mai detto sì per poi cambiare idea. Sarri mi ha chiamato, una telefonata amichevole. Ha capito, con molta serenità e sensibilità".

Nessun pentimento: "Neanche per un attimo. Tutto questo casino per poi cambiare idea?".

Prossimo articolo:
Frosinone, replica a Di Francesco: "Campo indecente? Avevamo sconsigliato..."
Prossimo articolo:
Amichevoli 21 luglio
Prossimo articolo:
Pallone d'Oro 2018: candidati, data, orario e albo
Prossimo articolo:
The Best FIFA 2018: candidati, data e categorie
Prossimo articolo:
FIFA 19: data di uscita, demo, trailer, copertina e novità
Chiudi

Utilizziamo cookies per garantirti la migliore esperienza online. Navigando sul nostro sito accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra in accordo con la nostra politica della privacy.

Mostra di più Accetta