Sampaoli si sbottona: "Lascio il Siviglia per l'Argentina"

CondividiChiudi Commenti
Era ormai noto, ma adesso lo stesso interessato ha potuto affermarlo in prima persona: Sampaoli lascia il Siviglia per andare a guidare l'Argentina.

Approdato al Siviglia lo scorso giugno, dopo l'avventura alla guida del Cile, il tecnico argentino Jorge Sampaoli tornerà ad allenare una nazionale, quella del suo Paese. La notizia non è una novità, ma col quarto posto ormai messo al sicuro, lo stesso tecnico ha potuto ora parlarne direttamente.

Alla vigilia del match contro l'Osasuna, ultima gara di campionato, Sampaoli ha spiegato i motivi della sua scelta e il rammarico per non poter proseguire un progetto che, a Siviglia, è iniziato molto bene e con ogni intenzione di puntare al titolo già dalla prossima stagione.

"Sin da quanto ho l'uso della ragione il mio sogno è stato quello di allenare l'Argentina - ha affermato Sampaoli in conferenza stampa - Come argentino non posso rigettare questa possibilità, a costo di interrompere una carriera come allenatore di club in Europa che era iniziata molto bene".

Vi sono ancora delle pastoie burocratiche da sistemare ma tutto si risolverà a breve... "Ora non rimane che venga trovato l'accordo, fra la AFA (la Federcalcio argentina, ndr) e il Siviglia, sulla risoluzione del vincolo contrattuale che mi unisce al club andaluso - ha proseguito Sampaoli - Il tutto si farà dopo la partita contro l'Osasuna, che mi auguro sarà una festa perché è come se avessimo vinto la Liga, così come potevamo vincerla noi alle spalle delle tre grandi, alle quali per 30 giornate abbiamo conteso il titolo".

A Sampaoli sarebbe piaciuto rimanere al Siviglia e proseguire il cammino iniziato in questa stagione, ma la chiamata della sua nazionale è stata un sogno che diventa realtà... "Non sto lasciando il Siviglia per un altro club ma lo sto lasciando, se così sarà, per la mia nazionale; è un cambio legato all'amore per il mio Paese. Mi è sempre piaciuto il progetto del Siviglia, avrei voluto lottare per il titolo nella prossima stagione ma è arrivata questa possibilità cui non posso rinunciare".

Il bilancio della stagione al Siviglia è comunque molto positivo... "Abbiamo lottato con le tre grandi - ha detto ancora - Siamo poi usciti dalla Champions per due rigori sbagliati e abbiamo avuto una media di 1,70 goal a partita. Finché starò al Siviglia continuerà a dare tutto me stesso e contro l'Osasuna voglio vincere per raggiungere ui 72 punti in classifica, che sono un traguardo assolutamente rilevante".

Prossimo articolo:
Rassegna stampa: le prime pagine di Gazzetta dello Sport, Corriere dello Sport e Tuttosport
Prossimo articolo:
Guida TV: dove vedere tutto il calcio in diretta TV e streaming
Prossimo articolo:
Crisi Perugia, i tifosi accerchiano il pullman: lancio di sassi e fumogeni
Prossimo articolo:
#GoalItalians - Zappacosta protagonista, Zaza non si ferma, Gabbiadini a secco
Prossimo articolo:
Sarri risponde a Spalletti: "Lui sarebbe il Ministro della Difesa"
Chiudi