Montella e il colpo Bonucci: "Mandavo 10 messaggi al giorno a Mirabelli"

CondividiChiudi Commenti
Montella conferma di essere il regista del colpo Bonucci: "Ero convinto che fosse raggiungibile". E apre alla permanenza di Niang: "Dipende da lui".

E' stata un'estate da sogni ad occhi aperti fin qui per Vincenzo Montella che, nel giro di poche settimane, ha visto nascere un grande Milan   grazie al faraonico calciomercato condotto dalla coppia Fassone-Mirabelli.

Il colpo Bonucci però, come confermato dallo stesso Montella a 'La Gazzetta dello Sport', per gran parte è merito proprio del tecnico: "Ero convinto fosse raggiungibile, mi fidavo di chi me lo diceva, mentre i miei dirigenti avevano una percezione diversa. Mandavo a Mirabelli almeno dieci messaggi al giorno, con tre sole parole. Buongiorno, o buonasera, direttore: Bonucci".

L'acquisto del difensore, peraltro, potrebbe spingere Montella anche a cambiare modulo passando alla difesa a 3: "Mi intriga come idea, ma devo dire che con questi giocatori possiamo davvero usare tanti sistemi.

Bonucci è un professionista altamente competitivo, sarà un esempio per i giovani. Non so se senza di lui la Juve si sia indebolita, ma di certo noi ci siamo rinforzati . Non credo possa essere una figura ingombrante nello spogliatoio".

Bonucci ma non solo, come detto, sono davvero tanti gli acquisti regalati a Montella dal nuovo Milan: "Ho iniziato a sognare, e lungo le settimane non capivo come acquisti e soldi si potessero moltiplicare così. È stato fatto più di quanto pensassi, qualcosa di straordinario. Questa è una squadra che rimarrà nel tempo, e non si svaluterà".

Montella su Bonucci

In tutto questo Montella non esclude di trattenere anche chi sembrava in partenza: " Niang contro il Bayern ha fatto una partita strepitosa . Può diventare un giocatore di altissimo livello, ma deve migliorare nella gestione di se stesso quando le cose vanno bene. Non c’è motivo per non credere in lui , dipende più che altro da M’Baye".

Proprio la prestazione contro il Bayern ha ulteriormente gasato Montella: "La squadra non è stata passiva e tutti i nuovi hanno avuto un buon impatto. André Silva ha potenzialità infinite, può diventare un giocatore di spessore internazionale".

Ps Montella acquisti Milan

L'articolo prosegue qui sotto

Montella però preferisce ancora non parlare di Scudetto: "Ora è un miraggio, anche se non bisogna mai porre limiti alle ambizioni. È presto per dire se il gap con Roma e Napoli è stato annullato, ma non dobbiamo nasconderci.

E l’entusiasmo va alimentato e mantenuto. Fra cento giorni mi aspetto che il Milan sia una squadra e che si veda il mio lavoro. Fra mille mi auguro che lo scudetto non sia più un miraggio, ma un obiettivo concreto ".

Infine Montella indica gli ultimi obiettivi per il calciomercato del Milan e ammette: " Il focus principale è sul centravanti e poi magari su una punta esterna e una mezzala". Il sogno continua.

Prossimo articolo:
Mistero Li, il Milan ora cerca un socio di minoranza
Prossimo articolo:
Coppe in chiaro: Shakhtar-Roma su Canale 5, Milan-Ludogorets su Tv8
Prossimo articolo:
Tabella infortunati, squalificati e diffidati in Serie A
Prossimo articolo:
Rassegna stampa: le prime pagine di Gazzetta dello Sport, Corriere dello Sport e Tuttosport
Prossimo articolo:
Probabili Formazioni Serie A
Chiudi