Milan, bilancio con rosso da 75 milioni: via libera all'aumento di capitale

CondividiChiudi Commenti
L'Assemblea dei soci del Milan ha approvato questo pomeriggio il bilancio (rosso da 74,9 milioni per quello consolidato) e l'aumento di capitale.

Quella di oggi è una giornata importante per il futuro del Milan. L'Assemblea dei Soci ha infatti approvato a maggioranza il bilancio d'esercizio e il bilancio consolidato relativo all'anno 2016. Si è astenuta l'Associazione dei piccoli azionisti.

La società rossonera ha registrato una perdita di 71,920 milioni di euro nel bilancio d'esercizio, di 74,9 milioni in quello consolidato chiuso lo scorso 31 dicembre.

Una volta presa coscienza delle perdite, l'Assemblea dei soci ha approvato all'unanimità la proposta di Rossoneri Sport Investment, società che detiene il pacchetto di maggioranza del club rossonero, di ripianare le perdite attraverso un aumento di capitale di 59,520 milioni di euro.

Sempre all'unanimità è stata anche approvata la possibilità di un eventuale ulteriore aumento di capitale della società di Aldo Rossi fino ad un massimo di ulteriori 60 milioni di euro nel caso dovessero verificarsi nuove esigenze di budget.

Infine l'Assemblea dei soci ha approvato, anche in questo caso all'unanimità, l’emissione di bond con scadenza ottobre 2018, a un tasso d’interesse pari al 7,7%. L'importo dei 2 prestiti obbligazionari ammonterà complessivamente a 128 milioni di euro (saranno da 73 milioni il primo, da 55 il secondo).

"La volontà dei nuovi azionisti - ha spiegato l'a.d. Fassone ai microfoni di 'Milan TV' - è essere forti sul campo e sani a livello economico, e in Italia non è così facile. Speriamo in 3 anni di raggiungere questo target prefissato. Abbiamo ancora davanti un anno di sacrifici economici, ovvero un altro bilancio negativo, che speriamo però possa portare risultati immediati".

"Per quanto riguarda il monte ingaggi - ha proseguito Fassone - nell'ultimo anno abbiamo analizzato un calo, legato anche al calo dei risultati sportivi. Abbiamo la sensazione che, nell'aggiungere giocatori di un certo livello e di un certo peso, questo monte ingaggi possa nuovamente crescere negli anni venturi. Ho però rassicurato gli azionisti che ci sarà un'asticella, un limite massimo che sarà ben presente a tutti, sempre sotto controllo. Anche perchè sappiamo come la UEFA controlli i ricavi e preveda determinate percentuali". 

Prossimo articolo:
Juventus-Genoa, le formazioni ufficiali: fuori Veloso, c'è Omeonga
Prossimo articolo:
Calciomercato Inter: le ultime notizie
Prossimo articolo:
Calciomercato Inter, chi è Rafinha: un 'tuttofare' per Spalletti
Prossimo articolo:
Tabella Calciomercato invernale Serie A 2017/18: acquisti e cessioni
Prossimo articolo:
Calciomercato Inter, ufficiale: Rafinha in prestito dal Barcellona
Chiudi