Milan-Arsenal, le pagelle: Ozil illumina San Siro, male Bonaventura

Commenti
Nel Milan si salva Donnarumma, deludono i tre centrocampisti, non brilla Cutrone. Ozil domina la scena nell'Arsenal, bene Ramsey e Mkhitaryan.


MILAN


DONNARUMMA 6,5: Beffato da una deviazione in occasione del primo goal, incolpevole sul raddoppio, evita un passivo ancor più pesante con un paio di interventi preziosi.

CALABRIA 5,5: In fase offensiva si fa sempre trovare pronto ad appoggiare l’azione ma quando chiamato a contenere soffre i movimenti di Mkhitaryan. (79’ BORINI sv)

BONUCCI 6: Tra i più concentrati e determinati, sfiora anche il goal nel primo tempo con uno stacco perentorio.

ROMAGNOLI 6: Non ha colpe sui due goal subiti, controlla Welbeck con l’aiuto di Bonucci.

RODRIGUEZ 5,5: Ci si attende di più dallo svizzero, mai un fattore in zona-cross.

KESSIE 5,5: Prova a trascinare i suoi con la consueta dose di agonismo ma perde anche tanti palloni.

BIGLIA 5: Un deciso passo indietro rispetto alle ultime gare: poco lucido in fase di costruzione, si lascia sfilare Ramsey alle spalle in occasione del 2-0.

BONAVENTURA 5: Non la sua miglior serata, perde troppe volte un tempo di gioco finendo col diventare prevedibile.

SUSO 5,5: E’ l’uomo che cerca di accendere la luce, è sempre pericoloso nell’uno contro uno ma non riesce mai a liberare il sinistro.

CUTRONE 5,5: Tocca pochi palloni e non riesce ad essere lucido nell’unica grande occasione sullo 0-0. (68’ ANDRE SILVA 6: Entra in campo con il giusto piglio).

CALHANOGLU 6: Nel primo tempo è di fatto la prima fonte di gioco del Diavolo e non demerita. Cala nella ripresa, lasciando il posto a Kalinic anche per motivi tattici. (62’ KALINIC 5,5: Prova a fare a sportellate con i centrali dell’Arsenal ma non ha occasioni per arrivare al tiro).


ARSENAL


OSPINA 6: Di fatto mai impegnato dagli attaccanti rossoneri, rischia qualcosa solo su un’uscita imprecisa nel primo tempo.

CHAMBERS 6: Il Milan attacca prevalentemente sul suo lato ma il giovane difensore inglese, chiamato a sostituire Bellerin, tiene botta. (85’ ELNENY sv).

KOSCIELNY 6,5: Attento, cattivo, guida la difesa dall’alto della sua esperienza.

MUSTAFI 6,5: L’ex doriano sceglie le maniere forti per fermare gli attaccanti rossoneri e alla fine esce vincitore da ogni duello.

KOLASINAC 6: Incaricato di tenere a bada Suso più che di appoggiare l’azione, porta a casa la sufficienza piena. (62’ MAITLAND-NILES 6: Sostituisce il compagno infortunato senza sbavature).

RAMSEY 7: Il goal impreziosisce una prestazione di estrema intelligenza tattica: è sempre al posto giusto nel momento giusto.

XHAKA 6,5: Si vede poco ma alla fine è il giocatore più cercato dai compagni, chiude la gara con quasi il 95% di passaggi riusciti.

WILSHERE 6,5: Galleggia tra le linee mettendo in grande difficoltà Biglia con i suoi movimenti.

MKHITARYAN 7: Un goal, una traversa e il solito lavoro di fino tra le linee. Cliente scomodissimo per chiunque.

OZIL 8: E’ il giocatore tecnicamente più forte in campo e si vede: serve due assist poetici e ad ogni tocco di palla sembra poter estrarre la giocata vincente. Fuori categoria. (80’ HOLDING sv).

WELBECK 5,5: Si muove su tutto il fronte d’attacco ma non incide.

Prossimo articolo:
DIRETTA: Young Boys-Manchester United
Prossimo articolo:
Valencia-Juventus, le formazioni ufficiali: Bernardeschi titolare
Prossimo articolo:
Real Madrid-Roma, le formazioni ufficiali: esordio per Zaniolo
Prossimo articolo:
Classifica pali e traverse Serie A 2018/2019
Prossimo articolo:
Come vedere Serie A e Serie B su DAZN: partite, costi e dispositivi compatibili
Chiudi