Mihajlovic su Juventus-Torino: "Si usi il VAR anche per noi"

CondividiChiudi Commenti
Mihajlovic su derby: "Spero che il VAR possa essere usata anche nei nostri confronti. E che il 4° uomo possa sentire frasi del tipo 'serbo di m***a".

Il Torino di Mihajlovic vuole certificare il proprio ottimo inizio di campionato fermando la Juventus, reduce da cinque vittorie consecutive. In conferenza stampa il tecnico granata ha così presentato il match contro la Vecchia Signora.

Qualche indicazione di formazione: "Niang può migliorare solamente giocando, quindi partirà dall'inizio. Vediamo quanto durerà. Acquah? Oggi ha fatto differenziato ma spero sia totalmente recuperato. Ansaldi domani sarà convocato, vedremo se giocherà o meno".

Per un risultato positivo ci vorranno tanti elementi da mettere tutti insieme. "E' sfida tra popolo e padroni, passione e ragione. Penso che nessun'altra sfida in nessun altro derby c'è così grande differenza a livello di storia ed a livello di DNA. Per vincere contro la Juventus ci vogliono gli attributi, bisogna non avere paura e sfruttare al meglio le occasioni da goal che ci capiteranno. Come dico sempre dobbiamo giocare da Toro".

Compreso un corretto uso del VAR, che secondo il suo punto di vista dovrà servire anche per aiutare l'arbitro ed i suoi assistenti a carpire frasi spiacevoli. "Adesso esiste il VAR per le situazioni dubbie, adesso spero che lo possano usare anche per noi. Non cerco mai di compiacere i tifosi avversari, ma l'acustica dello Juventus Stadium è buona e quindi anche il quarto uomo possa sentire una frase come 'serbo di m***a, bisogna finirle con queste cose".

Si sta lavorando alacremente per rendere Niang un giocatore più completo. "Ogni giocatore ha il proprio carattere, bisogna capirlo e bisogna trovare la medicina giusta. Ci sono alcuni giocatori coi quali devi lavorare sulla testa e sul campo, è questo è il caso di Niang. Ha perso chili, ma ci vuole un po' di tempo per fargli trovare intesa coi compagni e per fare i movimenti che voglio da lui. Ma per lottare ed usare il fisico può farlo sin da subito".

Insieme a Ljajic e Belotti dovrà essere il valore aggiunto di questo Torino. "Niang, Belotti e Ljajic non saranno mai un problema per il Toro, ma sempre una risorsa. Ragione per la quale ognuno dovrà fare il massimo in base alle proprie caratteristiche. Sono sicuro che Niang farà il Niang. Ljajic sta facendo quello che gli chiedo, deve continuare a farlo. Iago Falque? Non è un giocatore da copertina ma sicuramente è un giocatore che ogni allenatore vorrebbe avere a disposizione".

Che è più forte rispetto la scorsa stagione e che deve sognare l'Europa. "Rispetto all'anno scorso siamo più forti grazie ai giocatori che abbiamo preso. Dobbiamo lottare fino all'ultimo per un posto in Europa, ma non ho mai detto che sia una cosa scontata o facile".

Prossimo articolo:
Guida TV: dove vedere tutto il calcio in diretta TV e streaming
Prossimo articolo:
Tabella infortunati, squalificati e diffidati in Serie A
Prossimo articolo:
Benevento, Baroni ad un passo dall'addio: Reja e Iachini però hanno detto no
Prossimo articolo:
E' un Immobile da urlo: primo tra i marcatori di A, secondo per la Scarpa d'Oro
Prossimo articolo:
#GoalItalians - Zappacosta protagonista, Zaza non si ferma, Gabbiadini a secco
Chiudi