Lazio, il piano per Milinkovic-Savic: 'liquidazione' per il Genk e prezzo fissato a 120 milioni

CondividiChiudi Commenti
La Lazio è pronta a svincolarsi dall’accordo del Genk per decidere in autonomia il futuro di Milinkovic-Savic. Il talento serbo vale già 120 milioni.

La prima puntata sul futuro di Milinkovic-Savic andrà in scena ad inizio ottobre. La sosta dei campionati per le partite di qualificazione al prossimo mondiale sarà l'occasione giusta per Lazio e Genk di rivedersi e provare a risolvere quella che tutt'oggi sembra una sorta di comproprietà mascherata. Spieghiamo meglio e nel dettaglio.

Il centrocampista serbo arrivò a Roma, strappato alla Fiorentina, per una cifra di poco superiore a 9 milioni di euro nell'estate del 2016. In realtà però il club belga per cedere il ragazzo, aveva preteso che nel contratto di trasferimento fosse inserita una clausola secondo cui il Genk stesso, nei primi due anni successivi alla cessione, avrebbe potuto incassare il 50% di una possibile futura rivendita del giocatore dalla Lazio ad un altro club.

Questo accordo sulla futura rivendita era tale da far diminuire negli anni la percentuale da riconoscere al Genk, che proprio per questo dal 30 giugno 2018, avrà diritto solamente al 20% sull'eventuale incasso totale. La Lazio però vuole svincolarsi subito da questo accordo per poter avere tutto il cartellino a disposizione e decidere il da farsi senza intromissioni esterne.

Leonardo Bonucci Sergej Milinkovic-Savic Lazio Milan Serie A

Ecco perchè nell'incontro con il Genk, Lotito è intenzionato a proporre una cifra di 10 milioni di euro per fare in modo che il centrocampista diventi tutto biancoceleste. Anche perchè in estate, praticamente tutti i migliori club d'Europa, hanno bussato alla porta della Lazio per chiedere la disponibilità a trattare il giocatore e a tutti è stato detto di riparlarne a fine stagione.

A Formello hanno capito di avere tra le mani un pezzo da 90. Anzi da 120 perchė 120 sono i milioni di euro che la Lazio è intenzionata a portare a casa in caso di cessione di Milinkovic-Savic. Da quanto filtra dagli ambienti vicini alla proprietà, questo valore sarebbe dettato dalle prestazioni del giocatore, sempre più decisivo in ogni partita della squadra di Simone Inzaghi e dalle pretendenti che si sono affacciate la scorsa estate.

Milan, Inter e Juventus che aveva provato ad abbozzare un'offerta da 40 milioni di euro rispedita al mittente, ma soprattutto i top club europei, PSG e Manchester United su tutti, anche grazie agli ottimi rapporti di Jorge Mendes, diventato ormai stretto collaboratore di Lotito (dall'affare Wallace, a Keita e i due giovani portoghesi), con le due società. Anche le altre big d'Europa, City e Real Madrid, si sono informate direttamente o indirettamente.

La sensazione, quasi una certezza ormai considerando le qualità del ragazzo, porta a pensare che "il Sergente", come lo chiamano i tifosi, sia destinato a partire a fine stagione per una cifra record mai vista in casa biancoceleste. Intanto però Simone Inzaghi se lo gode e spera che Sergej continui a fare la differenza come pochi in Italia in mezzo al campo.

 

Prossimo articolo:
Guida TV: dove vedere tutto il calcio in diretta TV e streaming
Prossimo articolo:
Tabella infortunati, squalificati e diffidati in Serie A
Prossimo articolo:
Benevento, Baroni ad un passo dall'addio: Reja e Iachini però hanno detto no
Prossimo articolo:
E' un Immobile da urlo: primo tra i marcatori di A, secondo per la Scarpa d'Oro
Prossimo articolo:
#GoalItalians - Zappacosta protagonista, Zaza non si ferma, Gabbiadini a secco
Chiudi