Diritti tv, accolto il ricorso di Sky: sospeso il bando di assegnazione

CondividiChiudi Commenti
Slitta l'assegnazione dei diritti tv: il tribunale di Milano ha accolto il ricorso di Sky, la Serie A potrebbe partire senza copertura televisiva.

Continuano i dubbi relativi all'assegnazione dei diritti tv di Serie A dal 2018 al 2021. Il tribunale civile di Milano ha infatti sospeso fino al 4 maggio la procedura, accogliendo così il ricorso d'urgenza promosso da Sky Italia: salta dunque il termine di presentazione delle offerte fissato per il 21 aprile.

Sky ha di fatto chiesto per vie legali  una verifica dell'aderenza del bando di Mediapro alle leggi italiane, alla Legge Melandri e alle recenti indicazioni dell'Autorità della concorrenza. I tempi si allungheranno così sensibilmente e per conoscere il palinsesto del prossimo triennio servirà ancora diverso tempo.

Anzi, secondo Repubblica c'è il grosso rischio che il 19 agosto la Serie A parta senza copertura tv: "Vogliamo continuare a garantire agli abbonati un prodotto di qualità, nella piena libertà e autonomia giornalistica e editoriale in un sistema non discriminatorio e di libera concorrenza fra gli operatori" fa sapere Sky.

L'articolo prosegue qui sotto

"La nostra volontà è di continuare a contribuire alla crescita del calcio italiano, per lanciare nei prossimi giorni una grande offerta economica che possa garantire il futuro dei club sportivi, oltreché la qualità, la creatività e l’autonomia editoriale e giornalistica, la competizione industriale, agendo, senza scorciatoie, sempre nel rispetto dei valori della libertà di mercato e di tutte le leggi" continua il comunicato rilasciato da Sky.

Il bando di Mediapro solleva diverse perplessità in seno a Sky, ancora bloccata dal formulare la propria offerta per i diritti tv del massimo campionato italiano. Resta in piedi anche l'ipotesi di un canale della Lega Calcio, in cui la Serie A trasmetterebbe le partite del torneo.

Nella tarda serata non si è fatta attendere la reazione di Mediapro, riportata dall'Ansa: "L'unico che sarà danneggiato è il calcio italiano, non crediamo che situazioni come questa siano buone per la sua immagine e stabilità".

Prossimo articolo:
Calendario amichevoli Milan 2018: date, orari e dove vedere le partite in tv e streaming
Prossimo articolo:
Milan-Novara 2-0: Suso e Calabria, Diavolo ok alla prima
Prossimo articolo:
Serie A 2018/19: il calendario dei ritiri e delle amichevoli
Prossimo articolo:
Addio Europa League, la Fiorentina: "Siamo abituati a guadagnarci le cose sul campo"
Prossimo articolo:
Calciomercato Chelsea, Cech o Schmeichel per il dopo Courtois
Chiudi

Utilizziamo cookies per garantirti la migliore esperienza online. Navigando sul nostro sito accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra in accordo con la nostra politica della privacy.

Mostra di più Accetta