Come giocherà il Milan? 4-3-3 o 3-4-2-1 per il nuovo Diavolo

CondividiChiudi Commenti
L'arrivo di Biglia e quello di Bonucci consentiranno a Montella di interpretare diverse soluzioni tattiche con il Milan.

Quella che sembrava una boutade di calciomercato si è trasformata in una trattativa reale. Il Milan  ha ufficialmente acquistato dalla Juventus Leonardo Bonucci, che ha sottoscritto coi rossoneri un contratto di natura quinquennale.

Al suo arrivo è seguito il decimo colpo della faranonica campagna acquisti rossonera: Lucas Biglia è ufficialmente un giocatore del Milan, nuovo faro del centrocampo di Montella.

PS Milan

Con Bonucci e Biglia, Vincenzo Montella avrà la possibilità di adottare due diversi moduli tattici. Nel momento in cui l'Aeroplanino deciderà di confermare il modulo 4-3-3, facile immaginare una coppia centrale formata dal nuovo arrivo e Romagnoli, con uno dei nuovi arrivati, ossia l'argentino Musacchio costretto alla panchina.

Conti e Rodriguez senza nessuna concorrenza per una maglia da titolare sulle due fasce. Il trio Kessiè , Bonaventura e appunto Biglia nel ruolo di regista a centrocampo. Un altro trio, quello formato da Suso, Andrè Silva e Calhanoglu in avanti.

PS Milan

Non è però difficile da immaginare che la presenza un giocatore che conosce così bene i meccanismi della difesa a tre possa convincere l'allenatore italiano ad adottare un nuovo modulo, il 3-4-2-1. Del resto anche Biglia, con Inzaghi alla Lazio, si è adattato benissimo al centrocampo a quattro o a cinque.

L'articolo prosegue qui sotto

In questo caso Musacchio si riprenderebbe una maglia da titolare e completerebbe il trio di centrali con Bonucci e Romagnoli. Conti e Rodriguez si sposteranno un po' più avanti (ma sempre con il compito di proteggere gli esterni in fase di non possesso palla), con Biglia e Kessiè in mezzo ad alternare la fase di impostazione a quella di interdizione.

In avanti, con Andrè Silva unica punta, Suso e Calhanoglu (con Bonaventura in lizza per strappare una maglia ad uno dei due) completeranno il reparto d'attacco. A pagare le conseguenze di questo modulo sarebbe quindi Jack Bonaventura, che ha già mostrato in passato di fare fatica in mezzo al campo da centrocampista puro.

Ragione per la quale appare plausibile la preferenza per il duo Biglia-Kessiè. In panchina finirebbe anche in questo caso Montolivo, che non l'arrivo dell'argentino potrebbe perdere in maniera definitiva il posto da titolare.

Prossimo articolo:
#GoalItalians - Gabbiadini delude, Maccarone ancora in goal
Prossimo articolo:
Sassuolo, record per Acerbi: 100 partite di fila senza saltare un minuto
Prossimo articolo:
Juventus, De Sciglio brilla ancora: a Bologna pure un coro personalizzato
Prossimo articolo:
Bundesliga, risultati e classifica 17ª giornata - Lo Schalke pareggia, il Bayern scappa
Prossimo articolo:
Juventus, Allegri su Dybala: "Gli hanno fatto male alcuni paragoni"
Chiudi