Calciomercato Roma, chi è Ghezzal: il post Salah che ha voltato le spalle alla Francia

CondividiChiudi Commenti
A giugno gli scade il contratto, che non gli verrà rinnovato, con il Lione: la Roma sta pensando a lui per attutire la probabile perdita di Salah.

Il cognome potrebbe trarre in inganno, facendolo scambiare per il più famoso, almeno in Serie A, fratello maggiore Abdelkader. Da una lettura meno superficiale si capisce come il Ghezzal che sta facendo parlare di sé in tutta Europa non è l'ex attaccante di Siena, Bari e Parma, ma il gioiellino del Lione Rachid.

Ed il destino con lui potrebbe essere beffardo: nel giro di 4 mesi l'algerino rischia di trasformarsi da carnefice a rinforzo per la Roma. Nel mese di marzo, infatti, c'era anche lui nella formazione titolare dell'OL che eliminò i giallorossi ai quarti di finale di Europa League. Ma scopriamo meglio questo giocatore che la dirigenza capitolina ha individuato come possibile sostituto del partente Salah.

Rachid Ghezzal PS


UNA VITA NEL LIONE


Nato il 9 maggio 1992, Ghezzal ha di fatto legato la sua carriera calcistica ai soli colori del Lione. Infatti, così come il fratello Abdelkader, Rachid è un prodotto del vivaio dell'OL. Il talentuoso attaccante è cresciuto sotto l'occhio attento del tecnico Bruno Genesio, che ha aspettato che compisse 20 anni per fargli annusare per la prima volta il sapore della Ligue 1.

Correva il 21 ottobre 1992 e, nella gara vinta di misura sullo Stade Brest 29, l'attaccante riuscì a totalizzare i primi 12' di gioco subentrando a Gomis. La prima rete arriverà nel febbraio successivo contro il Lorient, che permise al Lione di gettare le basi per il 3-1 finale.

L'attaccante ci ha impiegato poco a conquistare la fiducia del suo allenatore e dei compagni di squadra. Non a caso, seppur non figuri tra i titolari inamovibili, Ghezzal è comunque un elemento al quale Genesio non rinuncia praticamente mai, riservandogli almeno uno spezzone di gara.


CARATTERISTICHE TECNICHE


L'altezza di 1.82 cm non deve trarre in inganno: tra i colpi di Ghezzal c'è sicuramente la velocità. Genesio lo sa bene ed infatti preferisce spedirlo in campo quando gli avversari hanno sulle gambe già un discreto minutaggio per farne valere la freschezza e la dinamicità.

Calcia indifferentemente con entrambi i piedi, ma è il destro che gli ha riservato più gioie. Degli 11 goal messi a segno in Ligue 1, infatti, ben 10 sono arrivati proprio dal suo piede preferito. Meno incisivo, invece, il colpo di testa, fondamentale sul quale deve ancora crescere molto.

La vera virtù dell'algerino è però l'altruismo. Ghezzal è il tipico giocatore che predilige mandare in goal i compagni piuttosto che cercare la soluzione personale. Non è un caso che il numero di assist è maggiore rispetto a quello di reti gonfiate. Sono 13 i passaggi smarcanti risultati decisivi nella massima serie francese, 20 in totale.


MEGLIO L'ALGERIA DELLA FRANCIA


In Francia si sono accorti presto delle qualità di Ghezzal, tant'è che la chiamata nell'Under 21 transalpina non si è fatta attendere. Le 4 presenze condite da un goal non sono bastate al giocatore per convincersi della bontà del progetto francese.

E così, anziché aspettare la chiamata della nazionale maggiore, l'attaccante ha deciso di difendere i colori del paese delle sue origini, l'Algeria, nonostante sia nato in terra transalpina e precisamente a Decines-Charpieu.

Il debutto ufficiale si concretizza nel novembre 2015 nel 7-0 rifilato alla Tanzania nel match valido per le qualificazioni ai Mondiali del 2018. A marzo arriverà anche l'unico sigillo nel 7-1 all'Etiopia. Con la sua nazionale ha preso parte anche alla Coppa d'Africa, uscendo alla fase a gironi.


RINFORZO A COSTO ZERO


Il cartellino di Ghezzal è ancora più appetibile se si considera che il 30 giugno il giocatore si libererà a costo zero. Il francese naturalizzato algerino, infatti, ha palesato già da inizio anno la sua intenzione di non prolungare il contratto senza relativo adeguamento dell'importo percepito (il suo ingaggio non arriva al milioni di euro a stagione). Insomma una scommessa che vale la pena correre.

Il presidente del Lione, Jean-Michel Aulas, dal canto suo ha preso atto e ne ha annunciato il divorzio: "Stiamo cercando un giocatore che sostituirà Ghezzal. Non ho intenzione di attuare le sue rivendicazioni salariali".


L'EREDE DI SALAH


 

⚽️⚽️ @ol @uefaeuropaleague

Un post condiviso da Ghezzal Rachid (@ghezzalrachid) in data:

L'articolo prosegue qui sotto

E' ancora presto per dire se Ghezzal potrebbe essere schierato da titolare da Di Francesco o se ad aspettarlo c'è un ruolo da comprimario, ma il suo acquisto è comunque da leggere in chiave post Salah.

Per sua fortuna il modulo usato dal nuovo allenatore della Roma è il medesimo adottato in questi anni dal Lione: quel 4-3-3 in cui Ghezzal ha sempre trovato spazio da ala destre. Il 25enne dovrà comunque vedersela con una concorrenza agguerita, se si pensa che in quel ruolo i giallorossi possono contare su valori assoluti come Perotti ed El Shaarawy.

Proprio la capacità di correre lungo tutta la fascia consente all'attaccante di essere impiegato anche in un ipotetico 4-2-3-1. Con la Roma impegnata su più fronti, l'ormai ex Lione avrebbe certamente modo di far valere le sue qualità e magari trovare quella consacrazione che in terra francese è stata solo sfiorata più volte.

Prossimo articolo:
Deulofeu non dimentica: "Il Milan mi ha dato tutto, voglio battere la Juventus"
Prossimo articolo:
Calciomercato Lazio, Inzaghi vuole un regista: spunta Badelj
Prossimo articolo:
Everton-Atalanta: probabili formazioni, orario e dove vederla in Tv e streaming
Prossimo articolo:
Pallone d'Oro di Svezia, Ibrahimovic infortunato: vince Granqvist
Prossimo articolo:
Lazio-Vitesse: probabili formazioni, orario e dove vederla in Tv e streaming
Chiudi