Calciomercato Juventus, bocciato Kolasinac: futuro in Premier

CondividiChiudi Commenti
Il 23enne Kolasinac, che si svincolerà a parametro zero dallo Schalke la prossima estate, è stato bocciato dai bianconeri. Per lui niente Juventus.

La Juventus ha deciso: Sead Kolasinac non vestirà la casacca bianconera. Dopo aver accarezzato l'idea di tesserare il 23enne terzino tedesco naturalizzato bosniaco, i penta-campioni hanno deciso di non affondare il colpo su colui che, a meno di clamorosi colpi di scena, a giugno saluterà lo Schalke 04 a parametro zero per sposare una nuova avventura professionale.

In concomitanza con l'addio invernale di Patrice Evra, finito all'OM dopo una lunga telenovela, i dirigenti di corso Galileo Ferraris hanno pensato a Kolasinac, potenzialmente una nitida occasione di mercato, idea rimasta in fase embrionale anche complice la rigida posizione attuata dal club tedesco.

La società di Gelsenkirchen, infatti, non ha voluto prendere in esame proposte per l'immediato, pur mettendo in conto l'eventualità – sempre più concreta – di non ricavare nemmeno un centesimo per un giocatore di buon livello.

L'articolo prosegue qui sotto

E la Juventus, poco propensa ad addentrarsi in tematiche asfissianti in pieno stile Julian Draxler, ha deciso rapidamente di abbandonare il dialogo, salvo valutare la possibilità di tesserare Kolasinac in vista della prossima stagione. Fase di scouting attiva, diversi contributi proposti dal terzino mancino osservati minuziosamente, decisione finale presa: guardare altrove.

Alcuni raccontano che sia stata la fase difensiva a non convincere gli uomini di corso Galileo Ferraris, altri fanno riferimento ad un rientro immediato di Leonardo Spinazzola dall'Atalanta. Si vedrà. Intanto, però, il verdetto finale non cambierà.

Il futuro di Kolasinac non sarà nel capoluogo piemontese, plausibile pensare che a spuntarla sia la Premier League, con Arsenal e (soprattutto) Everton in prima linea.

Prossimo articolo:
Guida TV: dove vedere tutto il calcio in diretta TV e streaming
Prossimo articolo:
Crisi Perugia, i tifosi accerchiano il pullman: lancio di sassi e fumogeni
Prossimo articolo:
#GoalItalians - Zappacosta protagonista, Zaza non si ferma, Gabbiadini a secco
Prossimo articolo:
Sarri risponde a Spalletti: "Lui sarebbe il Ministro della Difesa"
Prossimo articolo:
Punto pesante per l'Inter, Spalletti: "Potevamo fare di più, noi simili al Napoli"
Chiudi