Calciomercato Inter, Joao Mario per Gaitan o Vazquez: Ausilio ci prova

Commenti
L'Inter è delusa da Joao Mario e vuole cederlo in Spagna: Atletico e Siviglia hanno però altri piani combinati.

Quaranta milioni non ancora ripagati, su cui l'Inter si interroga. Dalla permanenza sicura paventata sia da Ausilio che da Spalletti, Joao Mario sembra sempre più vicino alla cessione. Troppo deludente il suo biennio in maglia nerazzurra per averlo ancora come alternativa primaria ai titolari.

L'Inter sta bussando alla porta di società con profili interessanti per i dirigenti nerazzurri, ma fino ad ora non ha ottenuto risposte positive: dopo il Manchester United, Ausilio ci prova con Atletico Madrid e Siviglia. Per arrivare a Gaitan e Vazquez.

Il Mudo, passato al Siviglia nell'estate 2016 dopo gli anni di Palermo, non ha brillato in questa annata senza Sampaoli: Montella però vuole rilanciarlo, mentre Vazquez da canto suo sta valutando seriamente di tornare in Serie A.

L'articolo prosegue qui sotto

La priorità di scambio dell'Inter rimane però Gaitan, un profilo che piace tantissimo a Spalletti: l'argentino è però vicinissimo al Southampton e potrebbe partire per approdare in Premier già nelle prossime settimane.

In tale intreccio di mercato c'è inoltre da considerare che, come riporta 'AS', Vazquez è sul taccuino dell'Atletico Madrid, pronto a sostituire Gaitan proprio in questo modo: a conti fatti dunque uno andrebbe al Southampton e l'altro ai Colchoneros, mentre il Siviglia potrebbe approdare Batshuayi, ruolo diverso ma comunque rinforzo d'elite per Montella.

Lo scambio a cui punta l'Inter non sembra attualmente percorribile: a dir poco deludente contro la Fiorentina, Joao Mario potrebbe dunque restare anche con il solo campionato da giocare e le possibilità ridotte all'osso. Prima di una oramai praticamente certa cessione la prossima estate.

Prossimo articolo:
Europa League 2018/2019: sorteggi, calendario e risultati
Prossimo articolo:
Totti spiega com'è cambiato lo spogliatoio: "O sai l'inglese o non capisci un ca**o"
Prossimo articolo:
Ranking FIFA nazionali, la classifica: Italia ventunesima
Prossimo articolo:
Piccolo a chi? Alla scoperta del Dudelange, trascinatore del Lussemburgo
Prossimo articolo:
Juventus, Emre Can sul rosso a Ronaldo: "Non siamo donne..."
Chiudi