Agnelli riparte: "Cardiff una tappa, ora è una Juventus realmente internazionale"

CondividiChiudi Commenti
Agnelli, intervistato da 'TuttoSport', torna a parlare della sconfitta di Cardiff ma anche dei progetti del club: "Ritorno di Conte? Non è previsto".

La Juventus del presidente Andrea Agnelli si appresta a iniziare una nuova stagione con l'obiettivo di migliorarsi rispetto alla scorsa annata, come ha spiegato lo stesso numero uno bianconero in un'intervista a 'TuttoSport', centrando ancora una volta lo Scudetto ma puntando anche alla vittoria della Champions League, un successo al quale ultimamente è andata vicinissima, con due finali perse nelle ultime tre stagioni.

A Cardiff, lo scorso 3 giugno la Juventus, dopo un buon primo tempo, nella ripresa è stata travolta dal Real Madrid. Una batosta che ha lasciato il segno anche nell'umore dei tifosi bianconeri, che hanno visto ancora una volta sfumare all'ultimo atto il sogno di mettere nuovamente in bacheca la 'coppa dalle grandi orecchie'.

Si è parlato anche di attriti nello spogliatoio durante l'intervallo di Cardiff... "Per nulla - ha spiegato Agnelli - Nessun attrito. Come avviene in tutte le partite sono sceso negli spogliatoi prima, nell'intervallo e dopo. E sono stato testimone oculare. A Cardiff non c'è stato nessuno screzio, nessuna baruffa. Il vero significato di ciò che è stato compiuto lo comprenderemo tra tanti anni. Questa per me è una tappa di passaggio. Rappresenta la base sulla quale edificare i prossimi sette anni".

Niente Champions in bacheca, ma di certo si può dire che la Juventus è tornata ai vertici del calcio anche europeo: "Siamo una Juventus completamente diversa e di dimensione realmente internazionale. Dobbiamo mantenere la stessa concentrazione che avevamo nel maggio 2010. Finora non abbiamo fatto nulla. I nostri veri traguardi cominciano da domani mattina. Se arriveranno altri top player alla Higuain quest’anno? Quest’anno supereremo i 400 milioni di fatturato, proventi non ricorrenti esclusi. Certamente non invertiremo la rotta..."

Tanto merito del ritorno della Juventus ai vertici del calcio lo si deve anche ad Antonio Conte, tecnico che vincendo il campionato dal 2012 al 2014 ha avviato la straordinaria serie dei sei Scudetti consecutivi vinti dalla squadra bianconera. Si è anche parlato di un eventuale ritorno alla corte della Vecchia Signora per l'attuale tecnico del Chelsea... "Oggi non è previsto", è però il secco commento di Agnelli.

Il presidente bianconero mette poi a tacere, almeno per ora, l'ipotesi che prima o poi il suo incarico possa essere ricoperto da una icona della Juventus come Gianluigi Buffon... "Adesso deve solo pensare al suo presente e quindi al campo", ha spiegato Agnelli.

Prossimo articolo:
Calendario amichevoli Lazio 2018: date, orari e dove vedere le partite in tv e streaming
Prossimo articolo:
Amichevoli 22 luglio - Bene Bologna e Torino, Lazio a valanga
Prossimo articolo:
Il Manchester United piomba su Maguire: pronti 73 milioni di euro
Prossimo articolo:
Addio PSG? Di Maria smentisce tutto: "Smettetela di mentire"
Prossimo articolo:
Everton, Richarlison alle visite mediche: Malcom verso la Roma
Chiudi

Utilizziamo cookies per garantirti la migliore esperienza online. Navigando sul nostro sito accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra in accordo con la nostra politica della privacy.

Mostra di più Accetta