thumbnail Ciao,

L'opinione della prima firma del 'Corriere della Sera' supporta la valutazione positiva data al termine del match di Torino dallo stato maggiore rossonero.

Sia Max Allegri che Adriano Galliani - al termine del match perso ai supplementari dal Milan a Torino contro la Juventus, che ne ha sancito l'eliminazione della Coppa Italia - hanno sottolineato l'ottima prova dei rossoneri, ritenuta meritevole di miglior sorte e quindi implicitamente migliore di quella degli uomini di Conte.

Una disamina che trova una autorevole sponda sulle pagine del 'Corriere della Sera' da parte della penna di Mario Sconcerti: "Non si è notata la grande differenza di classifica. Juve e Milan in questo momento sono sullo stesso piano. Quando anzi regna un po' di confusione come mercoledì, il Milan mostra qualcosa in più".

"D'altra parte - argomenta l'opinionista di punta di 'Sky' - la Juve è stata formidabile nelle prime 10 partite, in cui ha fatto 28 punti. Abbastanza modesta nelle altre 9, in cui di punti ne ha fatti appena 16, 3 meno del Milan, 4 meno della Lazio, sesto posto fra le prime 7 attuali. Questo conferma che contro la Samp non è stata una giornataccia occasionale, ma la prova di un disagio già annunciato, poi proseguito e sottolineato con 3 sconfitte in 9 gare...".

"Stavolta qualche ritocco importante alle formazioni ha contribuito a ridurre al minimo l'organizzazione in campo e a spostare definitivamente la partita sugli spunti individuali. In questo piccolo mare di lotta occasionale il Milan si trova sempre a suo agio perché ha ancora più mestiere ed estro degli avversari.Ha vinto alla fine la Juve - conclude Sconcerti - ed è comunque un risultato meritato. Esattamente come se avessero vinto gli altri...".

Sullo stesso argomento