thumbnail Ciao,

Napoli in piena crisi, non basta nemmeno un Cavani che segna un goal a partita: "E' il momento più difficile da quando sono qui..."

L'attaccante uruguagio ha segnato ieri il suo 21esimo goal in 21 presenze stagionali, ma non è bastato per evitare l'eliminazione: "Dobbiamo ripartire forte già a Siena...".

Incubo Bologna per il Napoli. Dopo la sconfitta di domenica scorsa in campionato, gli azzurri sono stati sconfitti anche in Coppa Italia dai rossoblù, capaci di estromettere già agli ottavi i detentori del trofeo. Una grande impresa per la formazione di Pioli, una grande delusione per i partenopei, che hanno inanellato il quarto ko di fila tra coppe (Europa League compresa) e campionato.

Non è bastato nemmeno l'ennesimo goal stagionale (il 21esimo in 21 presenze) di Edinson Cavani, che ha dedicato la sua ultima, e peraltro inutile, prodezza ai compagni di squadra Cannavaro e Grava, squalificati per 6 mesi a causa della nota vicenda Gianello.

"Sarà fondamentale guardarci in faccia - ha spiegato l'uruguagio, come riportato dalla 'Gazzetta' - Dobbiamo dimostrare che siamo uomini veri e così ripartire forte già a Siena".

Il Matador non si è nascosto dietro troppi giri di parole: "È il momento più difficile da quando sono qui. Usciamo a testa bassa, ma ora il gruppo deve reagire. Sono momenti che capitano, bisogna restare uniti. Vogliamo regalarci un Natale sereno e restituire il sorriso ai nostri tifosi ed ai compagni squalificati Grava e Cannavaro".

Sullo stesso argomento