thumbnail Ciao,

Il tecnico analizza la sconfitta subita in Coppa Italia contro il Bologna, e ammette: "Il momento è difficile, ai tifosi chiedo di starci vicini".

Il Napoli esce mestamente dalla Coppa Italia, cedendo in casa contro il Bologna per la seconda volta in soli tre giorni. Il tecnico Mazzarri a fine gara non si nasconde, e riconosce il difficile momento vissuto dai suoi uomini.

"Qualsiasi cosa dica in questo momento, rischio di sbagliare. Ai ragazzi però so cosa dire, ho già accennato qualcosa negli spogliatoi. Domani ci vediamo all’una, dovremo fare mea culpa, non è possibile uscire così dalla Coppa Italia, di cui siamo detentori"- dichiara il mister toscano.

Quindi Mazzarri prosegue: "Ci dispiace soprattutto per i tifosi, a cui chiedo ancora una volta di starci vicino”. E spiega: "Non cerchiamo alibi, ma i due punti di penalizzazione e la perdita di due giocatori come Cannavaro e Grava possono averci condizionato. Non siamo tranquilli, sbagliamo cose semplici e poi ci gira anche tutto storto, basta pensare all’episodio di Pandev o a quello di Campagnaro”.

Il tecnico mostra di non pensare assolutamente al sorteggio di Europa League in programma domani: "Stanotte non dormirò, ma non certamente per l’ansia da sorteggio. I ragazzi devono essere bravi dalla vita privata all’ultimo secondo di allenamento, il preparatore deve rivedere ogni aspetto e chiamarsi ogni singolo giocatore, io dovrò parlare con i ragazzi e cercare di studiare qualcosa di collaborativo per superare questo momento. Una cosa però mi preme chiarirla, il gruppo è unito, non ci sono cose strane dietro, l’abbiamo dimostrato anche con la maglietta per Gianluca e Paolo”.

Infine ecco la carezza per Britos e Fernandez, autori di prestazioni poco convincenti: "Entrambi avevano iniziato bene, probabilmente poi hanno pagato la voglia di uscire, di strafare, ed è subentrato un po’ di nervosismo”.

Sullo stesso argomento